animali e caldo
Animali domestici

Caldo e animali: cosa fare?

Alcuni utili consigli per far star bene i nostri cani, gatti, conigli, pesci e uccellini anche in estate

Anche se con difficoltà, l’estate è arrivata e il caldo si fa sentire. Ogni anno i media ci ricordano le regole per sopravvivere alle alte temperature, ma cosa fare con i nostri amici a quattro zampe? Come proteggere gli animali dal caldo?
L’Enpa, Ente nazionale protezione animali, a questo proposito ha realizzato un vademecum con utili consigli per cani, gatti, conigli, pesci e uccellini.

Come proteggere animali dal caldo
Attenzione alle auto

Per prima cosa, non dimenticate il vostro pet da solo in macchina, soprattutto se l’avete parcheggiata al sole. Con il caldo estivo, l’automobile si trasformerebbe velocemente in un forno e neanche i finestrini aperti basterebbero a dare un po’ di sollievo al vostro cane, gatto o coniglio. Un colpo di calore potrebbe essergli fatale.
Se vedete un animale incustodito in un’auto, cercate subito il proprietario oppure, in situazioni estreme, rivolgetevi alle forze dell’ordine. Carabinieri (112), polizia (113), vigili del fuoco (115) e corpo forestale (1515) sono gli enti preposti anche in questi casi. In attesa del loro arrivo, cercate di dare da bere all’animale.

Tanta acqua anche per loro

Come per gli esseri umani, l’idratazione è importante nei mesi estivi anche per i nostri pelosini. Tenete sempre una ciotola d’acqua a portata di pet e fate sì che abbiano a disposizione rifugi d’ombra, soprattutto se si tratta di cani tenuti alla catena o in recinti.
Se l’animale mostra i segni di un colpo di calore (pelle che scotta, incapacità di stare sulle zampe, difficoltà di respirazione) bagnategli il corpo con acqua fredda per abbassare la temperature e chiamate il veterinario.

Come proteggere gli animali dal caldo
©Andrea Montebelli
Anche gli animali si scottano

Non portate il cane a spasso nelle ore più calde: potrebbe bruciarsi le zampe a contatto con il suolo o avere colpi di calore, soprattutto se è un cane anziano. Passeggiate alla mattina presto o alla sera e ricordate di portarvi dietro una bottiglietta d’acqua per il vostro amico.
Se l’animale sta spesso al sole, proteggete le estremità meno pelose, come le orecchie, con una crema solare ad alta protezione.
Il problema del sole vale anche per gli acquari e per gli uccellini. Nessun animale può resistere al sole diretto in estate.

I parassiti e il pelo

Il caldo piace invece a tutti quei parassiti (pulci, zecche, acari) pericolosi per i pelosini, ma anche per i loro padroni. Applicate sul pelo del vostro amico a quattro zampe gli appositi antiparassitari (attenzione: quelli dei cani non sempre vanno bene per gatti! Consultate il veterinario se avete dubbi) e controllate regolarmente il pelo del vostro pet. In quello di conigli, cavie e cani, si possono annidare anche le uova delle mosche.
I gatti in estate perdono molto pelo e questo può essere facilmente ingerito nelle tante fasi di pulizia quotidiane. Spazzolate l’animale regolarmente e accarezzatelo con le mani umide, in modo da eliminare il pelo in eccesso prima che venga ingerito. In commercio esistono anche appositi alimenti, che aiutano l’espulsione di boli di pelo dal tratto intestinale.



Cosa mangiano i criceti
Animali domestici

Cosa mangiano i criceti

Si può dare la mela ai cani?
Animali domestici

Si può dare la mela ai cani?

Taglie vestitini dei cani: come districarsi con le misure
Animali domestici

Taglie vestitini dei cani: come districarsi con le misure

Il latte fa male ai cani
Animali domestici

Il latte fa male ai cani

Cibo che fa male ai cani
Animali domestici

Cibo che fa male ai cani

Educare un gatto: come insegnargli dei comandi
Animali domestici

Educare il gatto: come insegnargli dei comandi

Il cane può mangiare il cioccolato?
Animali domestici

Il cane può mangiare il cioccolato?

Cani e gatti stressati
Animali domestici

Cani e gatti stressati: perché lo sono e cosa fare

Come riciclare gomme auto: idee per il tuo giardino
Riciclo creativo

Come riciclare gomme auto: idee per il tuo giardino

Quello che serve è un po’ di fantasia, qualche strumento, del tempo libero e, soprattutto, tante idee da cui trarre spunto.

Leggi di più