Abimis, una cucina professionale fra le mura domestiche

Il rivoluzionario concept di Prisma per portare tutta la tecnologia e la qualità di una cucina professionale in casa: perché i grandi chef non sono solo quelli che lavorano nei ristoranti…

Una cucina funzionale con tutte le caratteristiche delle grandi installazioni professionali, costruita “intorno” al cuoco e agli atti semplici ma precisi che deve compiervi: conservare, preparare, cuocere, impiattare, lavare. Il tutto però, trasferito in una cucina di casa. È questo l’ambizioso ed affascinante obiettivo del progetto Abimis, nuovo concetto di cucina domestica ispirata a quella professionale e proposto da Prisma, azienda di S. Polo di Piave, in provincia di Treviso, dal 1983 leder nella produzione di cucine destinate alla ristorazione professionale e collettiva, dalle soluzioni per hotel e comunità a quelle per le navi da crociera. E proprio in occasione del suo trentennale, Prisma intraprende questa nuova roadmap con l’intento di portare i “virtuosi” della cucina che si “esibiscono” all’interno delle proprie pareti domestiche nelle stesse condizioni in cui operano i grandi chef, a totale servizio della espressività e della creatività di tutti gli appassionati.

Tutto al servizio dello chef

Il concept da cui Abimis prende forma è semplice e funzionale: riprogettare, al servizio dei gesti che lo chef compie nell’ambito del proprio lavoro, lo spazio della cucina in modo che ciascuna operazione e movimento possano essere svolti nel modo più semplice e fluido. Una efficienza ed una qualità che occorre trovare anche nell’ambiente della cucina di casa. Da qui la scelta di realizzare una cucina interamente in acciaio inox, senza fughe e con un elevato grado di resistenza agli urti, con una speciale lavorazione “orbitata” dell’acciaio che rende il suo colore più morbido e caldo e meno visibili graffi ed impronte. Le cerniere delle ante sono anch’esse progettate in acciaio e sono garantite a vita non necessitando di alcuna manutenzione.
La parola d’ordine nella soluzione Abimis è ergonomia. Una linea-guida imprescindibile che si traduce in due grandi filoni: la cura maniacale per i dettagli e la progettazione ed il posizionamento di ciascun elemento in modo che il suo utilizzo sia più funzionale possibile. Per esempio, lo zoccolino rientra di 20 centimetri per permettere di avvicinarsi comodamente al piano di lavoro, mentre il sistema “stop over floating” consente il contenimento dei liquidi eventualmente versati.

Ogni concept Abimis è unico e personalizzato

Anche i vani interni sono concepiti a tenuta stagna, con una profondità superiore alla norma (75 cm.) e con ante scorrevoli in modo da permettere di raggiungere facilmente anche gli oggetti stipati più all’interno. Tutti gli accessori sono standardizzati al sistema di riferimento “Gastronom“, cosa che assicura la minimizzazione dei tempi e la assoluta facilità di passare ogni tegame, bacinella e teglia dal lavello al forno senza problemi. Il piano cottura e gli altri elettrodomestici seguono tutti questa filosofia costruttiva rendendo semplice e comodo il loro utilizzo. La facilità nel mantenimento di un adeguato livello di igiene, punto fondamentale nel lavoro di qualunque chef, è assicurata dalla realizzazione dei particolari e dalla curvatura di tutte le superfici, facilmente raggiungibili ed ergonomiche. Ogni cucina Abimis è studiata in modo assolutamente personalizzato in funzione dell’ambiente in cui si deve adattare e per questo viene numerata come un vero e proprio “pezzo unico”.


Vedi altri articoli su: Arredamento |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *