Una guida per affrontare le vacanze di Natale senza ingrassare (troppo)

Dieci semplici consigli per mantenersi in forma durante le festività.

Natale senza ingrassare
10 semplici regole per godersi le feste senza ingrassare.

Le feste natalizie sono alle porte e il timore di tutti è sempre lo stesso: come festeggiare senza ingrassare troppo? Nessuna paura: ecco per voi dieci semplici consigli per riuscire a gustarsi pranzi e cene succulenti, senza grandi sensi di colpa. Scopriamoli da vicino:

1. Il primo suggerimento è quello di seguire nei giorni precedenti e successivi al giorno di Natale, Santo Stefano, Capodanno e l’Epifania, una dieta regolare ed equilibrata. Bisogna puntare su verdura, frutta, cereali integrali, carne bianca, pesce, legumi e bere almeno 2 litri di acqua al giorno. Infatti il vero problema non sono i cenoni o i pranzi, ma i pasti delle altre giornate. Come si suole dire: non si ingrassa a Natale e Capodanno, ma da Natale a Capodanno, per il continuo consumare dolci, alimenti molto conditi e avanzi delle feste.

2. Durante i pranzi e i cenoni si può mangiare tutto e di tutto, basta non esagerare con le porzioni ed evitare il bis. Negli altri pasti della giornata stare leggeri, senza però saltarli. La colazione non deve assolutamente mancare, evitare piuttosto gli spuntini.

3. Il giorno prima ed il giorno dopo la festività rinunciare ai carboidrati a cena e consumarli in modo ridotto anche a pranzo, puntando principalmente su verdura, carni bianche o pesce ai ferri. In tal modo si può attuare una sorta di azione depurativa pre e post festività.

4. Durante i giorni di festa è importante non mettersi a tavola affamati. Infatti se ci si siede a tavola completamente digiuni, si rischia di mangiare di più e male. Piuttosto mangiare dei finocchi o del sedano crudo prima del pranzo o del cenone.

5. Mangiare lentamente e masticare a lungo: questo piccolo accorgimento aiuta ad assaporare con più gusto le varie pietanze e raggiungere prima il senso di sazietà.

6. Condire i piatti senza eccedere con i grassi saturi, limitando burro, besciamella, panna, intingoli vari, maionese e salsa rosa. Per cuocere preferire il vino bianco, la birra, le spezie e le erbe aromatiche. Evitare anche di fare la scarpetta.

7. Non rinunciare al dolce, ma sapersi limitare ad uno (massimo due): una fetta di panettone o di pandoro classici (senza creme o cioccolato) ed un cioccolatino, meglio se fondente, o un torroncino piccolo. Ricordiamoci che il panettone è più magro del pandoro ed il cioccolato è più magro del torrone.

http://www.istockphoto.com/it/foto/panettone-fatti-in-casa-dolce-di-natale-con-zucchero-a-velo-gm493251978-76809699

8. Evitare le bevande gassate o molto alcoliche. Infatti una lattina di Fanta o di Sprite per esempio si introducono circa 140 kcal. Bere piuttosto acqua frizzante a volontà, con aggiunta di succo di limone.

9. Dopo il grande pranzo uscire a camminare almeno per 30-40 minuti di buon passo, in modo da favorire la digestione e mantenere attivo il metabolismo. Se si tratta invece di una cena, dedicare una mezz’ora del pomeriggio per camminare di buona lena.

10. Se si avverte fame nonostante l’abbuffata, puntare sullo yogurt greco magro, che ha un buon potere saziante grazie al suo contenuto proteico. Abbinarlo alla verdura, cruda o cotta, che aumenta la sazietà, grazie al contenuto di fibra.


Vedi altri articoli su: Dieta |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *