Si può gestire l’intolleranza al lievito di birra?

Intolleranza al lievito di birra: niente paura... vi aiutiamo a gestirla.

Il lievito di birra fa parte del gruppo di funghi formati da un unico tipo di cellula eucariota, il suo nome scientifico è Saccharomyces cerevisiae.
Il lievito di birra fa parte del gruppo di funghi formati da un unico tipo di cellula eucariota, il suo nome scientifico è Saccharomyces cerevisiae.

L’intolleranza alimentare è considerata una reazione avversa ad alcune proteine alimentari. Questa reazione può essere quantificata attraverso il dosaggio di uno specifico gruppo di anticorpi, quelli della classe G (o IgG). Le intolleranze si distinguono dalle allergie perché, a differenza di queste ultime, non coinvolgono il sistema immunitario, ma solo il metabolismo e sono dose dipendenti. Difatti sono legate una carenza di un determinato enzima digestivo o al non corretto funzionamento della microflora intestinale. I sintomi si manifestano dopo l’accumulo di sostanze non tollerate dall’organismo e compaiono con un certo ritardo rispetto all’assunzione del cibo. Una delle intolleranze più diffuse è quella al glutine, insieme a quella al lattosio.

L’intolleranza al lievito di birra (semplicemente detto lievito, presente in commercio sotto forma di panetto o secco, in granuli) è più precisamente una reazione avversa all’introduzione di alimenti o bevande che lo contengono. I lieviti, in generale, sono un gruppo di funghi formati da un unico tipo di cellula eucariota. Il lievito di birra è il Saccharomyces cerevisiae, impiegato da migliaia di anni per la produzione di vino, pane e birra. Agisce fermentando il glucosio presente nella farina e negli altri cereali o nella frutta, producendo anidride carbonica (responsabile delle alveolature del pane e delle bollicine di vino e birra) ed alcool (che evapora durante la cottura). È presente anche nella flora batterica intestinale dell’uomo, insieme a lieviti del genere Candida, Aspergillus e Penicillium, oltre anche ad altri appartenenti al genere Saccharomyces. Il lievito di birra, come noto, è presente in moltissimi alimenti: pane, focacce, pizza, prodotti da forno, alcuni dolci, birra, vino.

E il lievito madre?

Si distingue dal lievito madre o pasta madre, un impasto di farina e acqua acidificato da un complesso di lieviti e batteri lattici del genere Lactobacillus, in grado di avviare la fermentazione e di produrre acidi organici. Questa associazione consente una maggiore crescita del prodotto e una maggiore digeribilità e conservabilità. Entrambi sono lieviti naturali, diversi dal lievito chimico, una polvere composta da bicarbonato di sodio a cui vengono aggiunti fosfati acidi, amido di mais e acido citrico.

Impariamo a riconoscere i sintomi

I sintomi dell’intolleranza al lievito di birra sono comuni a quelli delle intolleranze ad altri alimenti: sensazione di gonfiore e pesantezza, stichezza e diarrea alternate, meterorismo, cefalea, squilibri metabolici non ben speficicati. Il trattamento consigliato suggerisce di disinfiammare la mucosa intestinale e potenziare le difese immunitarie.

Chi si occupa abitualmente di intolleranza suggerisce un periodo di eclusione o wash out dai prodotti lievitati per la durata di 7-14 giorni, con successiva graduale reintroduzione di questi alimenti, un alimento diverso ogni 3 giorni. Una volta reintrodotti tutti gli alimenti, continuare a consumarli con moderazione. Nel periodo di wash out eliminare dalla dieta qualsiasi fonte di lieviti (anche quello madre e quello chimico) e i prodotti fermentati: pane azzimo, pane sardo, superalcolici, yogurt, panna acida, formaggi (come taleggio, gorgonzola, ecc.), salsa di soia, frutta secca, glutammato monosodico (il dado da cucina), aceto, funghi, miele, pastiglie di vitamine del gruppo B, alimenti avanzati dal giorno prima (a maggior rischio di fermentazione). Assumere, in contemporanea, dei probiotici (fermenti lattici) che rinforzano il sistema immunitario. Per chi la tollera, si può abbinare dell’Echinacea, che agisce anch’essa sul sistema immunitario.

Nel periodo di esclusione, ma anche successivamente alternativamente ai prodotti lievitati, si hanno a disposizione diversi prodotti commerciali senza lieviti. Si tratta di crackers, grissini, tarallini, biscotti, fette biscottate, dolci, snack, piadine, tortillas di mais, pane non lievitato o con cereali alternativi, prodotti da aziende come l’Allos, l’AreaBio, la Cèreal, la Finestra sul Cielo, la Galbusera, la Ki Group, la Probios o la Verde&Bio.

Ricordarsi, infine, che il modo migliore per combattere le intolleranze è una alimentazione variata ed equilibrata, composta da 5 pasti al giorno (3 principali e 2 spuntini), una buona quantità di fibra (verdura, frutta, alimenti integrali e legumi), una limitata introduzione di formaggi e salumi (massimo 2 volte alla settimana per entrambi gli alimenti) e l’assunzione di almeno 2 litri di acqua al giorno. Se si educa il proprio organismo ad una regolarità dei pasti, anche l’intestino funziona meglio e la probabilità di incorrere in intolleranze alimentari diminuisce.


Vedi altri articoli su: Allergie e intolleranze | Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *