Alla scoperta del triphala

Triphala: il più popolare preparato d’erbe della tradizione ayurvedica

Tre frutti, che corrispondono ai tre umori del corpo secondo l’ayurvedica. Ecco il triphala, che cura il corpo come una madre cura i suoi figli

Se siete appassionate di ayurveda senz’altro l’avete già sentito nominare. Se non lo siete, potrebbe essere una bella scoperta: ecco il triphala, una miscela millenaria di erbe indiane. Che sembra essere una vera e propria panacea.

Come una madre cura i suoi figli

Riferimenti all’uso terapeutico del triphala si trovano già nei Sushruta Samhita, databili al 1500 a.C. Si tratta del più popolare preparato a base di erbe di tutta la scienza ayurvedica indiana, dalle enormi potenzialità depuranti e disintossicanti – senza impoverire le riserve energetiche dell’organismo, perché combina un’azione nutritiva a una depurativa per sangue e fegato, oltre a stimolare la secrezione di bile, favorire digestione e assimilazione e ridurre colesterolo e grassi corporei.

...fino a quando possiedi del Triphala
...fino a quando possiedi del Triphala
“Non dispiacerti se non hai una madre sino a quando possiedi del Triphala”, recita un detto indiano. Perché?


Perché si dice che il triphala sappia prendersi cura dei nostri organi interni quanto le madri si prendono cura dei figli, grazie all’azione combinata dei tre frutti (da cui il nome: tri e phala, “frutti”) che lo compongono: amla (o amalaki), haritaki, bibhitaki.

Tre frutti, tre dosha

Ognuna delle piante da cui sono estratti i frutti del triphala corrisponde a uno dei tre umori – dosha – della medicina ayurvedica:

  • vata: aria, dalla natura secca, fredda e leggera, che corrisponde al sistema nervoso
  • pitta: fuoco, presiede a tutte le trasformazioni metaboliche, all’assimilazione del cibo e delle idee (e perciò alla comprensione)
  • kapha: acqua, dalla natura umida, fredda e pesante; presiede a tutte le funzioni anaboliche e di sviluppo muscolare e osseo.
Il dio Shiva
Il dio Shiva
E così al vata corrisponde l’haritaki (Terminalia Chebula), dal sapore amaro, che cura le alterazioni dell’umore e ha proprietà lubrificanti, lassative, antispasmodiche e ansiolitiche – una curiosità: è la pianta sacra del dio Shiva, e d’altro canto tanto venerata dai tibetani che ne si può vedere il fiore raffigurato tra le mani del Buddha guaritore nelle pitture e nei tanka.

L’amalaki (Emblica Officinalis), dal sapore aspro, corrisponde al pitta, ed è un tonico, antipiretico, rinfrescante, lievemente antibatterico, cardiotonico e antivirale. Pensate che contiene la più alta concentrazione di vitamina C presente in natura (fino a 20 volte il contenuto di un’arancia!) e una stabilità al calore che ne fa preservare il contenuto vitaminico perfino se esposta ad alte temperature o essiccata.

Il bibhitaki (Terminalia Bellerica) è un astringente – questo il suo primo gusto – tonico, digestivo, antispasmodico, dal gusto insieme amaro e dolce, un po’ pungente. In India è utilizzato contro l’asma, le allergie e il singhiozzo.

Tutto sta nell’equilibrio

Tutto sta nell'equilibrio
Tutto sta nell'equilibrio
Ma è nell’equilibrio tra le tre componenti il “segreto” del triphala. Un segreto che attraverso i secoli ha viaggiato fino a noi, e che si mantiene intatto in India e Tibet.

Come accedervi, a meno di un viaggio in Oriente, magari alle pendici dell’Himalaya – che non ci dispiacerebbe affatto, ammettiamolo? Cerchiamolo presso i negozi di prodotti erboristici e ayurvedici: se è un po’ più difficile reperire il triphala in polvere (ma su prenotazione potremmo riuscirci), sarà più semplice trovarlo in compresse (triphala max, triphala plus e simili).

Triphala Max

Il Triphala Max, per esempio, è un integratore alimentare in compresse che ha un’azione depurativa sull’intestino grazie alle sue naturali proprietà lassative, indicato in caso di stitichezza, ragadi ed emorroidi.

Triphala Virya

Il Triphala Virya è un altro integratore – in compresse o polvere – dalle svariate proprietà benefiche: aiuta la digestione e la circolazione, favorisce la flora intestinale e agisce positivamente anche sul fegato.

Triphala Guggul

Questo preparato ha proprietà disintossicanti e agisce sul corretto funzionamento metabolico; per le sue qualità asciuganti spesso viene segnalata nelle diete per perdere peso assunta un’ora dopo il pasto con tisane calde o acqua.

Intanto quel che è certo è che sempre più le medicine alternative stanno facendo presa anche su noi occidentali.



L'acqua del rubinetto fa davvero male o no?
Salute

L’acqua del rubinetto fa davvero male o no?

bagni sonori meditazione
Salute

Bagni sonori, meditazione e ritiri benessere: i trend del 2020

Salute

Riposino pomeridiano: perché fa bene

Salute

Stress: le tisane che aiutano lo stomaco

Probiotico o senza lattosio? Tutti i tipi di yogurt e come sceglierli
Salute

Probiotico o senza lattosio? Tutti i tipi di yogurt e come sceglierli

Vaccino antinfluenzale 2020: quando si può fare regione per regione
Salute

Vaccino antinfluenzale 2020: quando si può fare regione per regione

Salute

Menopausa precoce: i sintomi

Salute

5 mosse per alleviare lo stress

Salute

Menopausa precoce: i sintomi

Cosa fare quando l’età fertile volge al termine prima del normale? Ecco i campanelli d’allarme e i rimedi per affrontare questo momento.

Leggi di più