Parabeni

Parabeni: conoscerli per evitarli

I parabeni utilizzati in ambito commerciale sono molecole di origine sintetica che svolgono un’azione conservante. Ma fanno male? Tra allarmismi e verità, ecco quello che bisogna sapere.

Pericolosi o innocui?

Il dibattito sui parabeni, molecole ad azione fungicida e battericida utilizzate nell’industria cosmetica, ma anche farmaceutica e alimentare, è sempre acceso, tuttavia come molto spesso accade probabilmente anche in questo caso la verità sta nel mezzo.

Per un uso e un “non uso” consapevole, ecco tutto quello che c’è da sapere su di loro: che cosa sono, a che cosa servono, quali tipologie e in che quantità sono presenti nei prodotti di bellezza e per l’igiene personale e la normativa che ne regola l’impiego.

Identikit dei parabeni e uso in cosmetica

I parabeni utilizzati in ambito commerciale sono molecole di origine sintetica che svolgono un’azione antibiotica e antimicotica grazie alla capacità di contrastare l’insorgere e il proliferare di lieviti, muffe e batteri.

Impiegati in numerosi settori, dal farmaceutico all’alimentare, sono particolarmente diffusi nell’industria cosmetica, anche se in seguito a diverse controversie sulla loro innocuità l’uso è si è drasticamente ridotto: i prodotti che li contengono sono passati infatti dall’essere il 90% del mercato globale al 44%, con una concomitante crescita di quelli cosiddetti paraben free.

I parabeni che si possono trovare nei cosmetici sono 4-hydroxybenzoicacid, methylparaben, potassium ethylparaben, potassium paraben, sodium methylparaben, sodium ethylparaben, ethylparaben, sodium paraben, potassium methylparaben, calcium paraben, butylparaben, propylaparaben, sodium propylaparaben, sodium butylparaben, potassium butylaparaben e potassium propylaparaben.

Inseriti nella categoria dei conservanti, nell’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) sono indicati con la lettera E maiuscola seguita da un numero progressivo da 214 a 219.

Quelli più diffusi nei prodotti di bellezza e per l’igiene personale sono:

  • etilparabene (E214), indicato anche ethylparaben (INCI), etil 4-idrossibenzoato, etil-para-ossibenzoato o paraidrossibenzoato d’etile, e il sale sodico etile-p-ossibenzoato (E215);
  • propilparabene (E216), indicato anche come propylparaben (INCI), propil p-idrossibenzoato, propil paraidrossibenzoato, nipasol e il sale sodico propile-P-ossibenzoato o para idrossibenzoato di propile (E217);
  • etilparabene (E218), indicato anche come methylparaben (INCI), metil p-idrossibenzoato, metil paraidrossibenzoato, Tegosept, Mycocten, Nipagina, e il sale sodico metil-p-idrossibenzoato (E219);
  • butilparabene, indicato anche come butylparaben (INCI), butil paraidrossibenzoato, butil p-idrossibenzoato.
Riconoscere i parabeni dall'INCI
Come riconoscere i parabeni tra gli ingredienti dei cosmetici? Sull'INCI sono indicati con la lettera "E" seguita da un numero da 214 a 219.

Parabeni: quali rischi?

Largamente utilizzati nell’industria cosmetica, come pure in quella farmaceutica e alimentare, i parabeni sono guardati dai consumatori con sospetto e in alcuni casi con vera e propria preoccupazione. Tuttavia, se è vero che la materia è tuttora oggetto di indagine da parte della comunità scientifica, alcune posizioni allarmiste vanno ridimensionate.

Per quanto riguarda la relazione tra i parabeni contenuti nei cosmetici topici e il tumore al seno ipotizzata da Philippa Darbre nel 2004, studi successivi hanno escluso qualsiasi tipo di nesso causale. Peraltro, la ricerca di Darbre è stata fin da subito fortemente criticata dalla comunità scientifica perché condotta con gravi mancanze metodologiche e caratterizzata da fallacie evidenti.

Il ruolo di interferenti endocrini dei parabeni è stato invece riconosciuto dalla UE, perché è stata provata la loro potenziale capacità di “mimare” chimicamente gli estrogeni, creando interferenze con il sistema ormonale. Tuttavia, numerosi studi successivi hanno altresì dimostrato che detta attività estrogenica è 1/100.000 volte inferiore a quella dell’estradiolo e dell’etinilestradiolo delle pillole anticoncezionali, considerate sicure. Poiché approfondimenti sono ancora in corso, alcuni paesi hanno deciso di applicare il “principio precauzionale” per bambini e infanti, sconsigliandone l’uso in particolar modo nel caso di ferite e lacerazioni dell’epidermide.

Infine, per ciò che concerne l’azione allergenica dei parabeni, la sua portata è ancora in fase di valutazione, anche se sembra appurato un nesso di causa ed effetto sulle pelli alterate, in virtù dell’elevato potere penetrante di queste molecole sintetiche, e un processo di sensibilizzazione conseguente a un uso continuo e prolungato.

 

La normativa vigente

I parabeni nell’Unione Europea sono sottoposti a un disciplinare approvato dal Comitato scientifico per la sicurezza dei consumatori (CSSC) che stabilisce quali tipologie, in che quantità e a che condizioni possono essere utilizzate per essere considerati sicuri.

A seguito di studi continui e approfonditi, è stata così decisa la cancellazione di una serie di parabeni dall’elenco di quelli ritenuti non dannosi per la salute dell’uomo e l’ambiente e si è proceduto a fissare le percentuali di tolleranza di quelli consentiti.

A oggi, dunque, per 4-hydroxybenzoicacid, methylparaben, potassium ethylparaben, potassium paraben, sodium methylparaben, sodium ethylparaben, ethylparaben, sodium paraben, potassium methylparaben e calcium paraben la concentrazione massima in un prodotto riferita a ciascuna sostanza è pari allo 0,4%, mentre per butylparaben, propylaparaben, sodium propylaparaben, sodium butylparaben, potassium butylaparaben e potassium propylaparaben è dello 0,14% per ciascuna sostanza o la loro somma. Infine, la somma delle concentrazioni di tutti i parabeni contenuti in un dato cosmetico non può superare lo 0,8%.



Ora legale 2020: quali effetti sulla salute
Salute

Ora legale 2020: quali effetti sulla salute

Cefalea cronica: cos'è e come funziona l'assegno di invalidità
Salute

Cefalea cronica: cos’è e come funziona l’assegno di invalidità

Mascherina come si indossa nel modo corretto
Salute

Mascherina come si indossa nel modo corretto

Come igienizzare le mani
Salute

Come igienizzare le mani

Microplastiche, gli effetti sulla salute e come evitarle
Salute

Microplastiche, gli effetti sulla salute e come evitarle

Come perdere peso senza dieta: 10 consigli
Salute

Come perdere peso senza dieta: 10 consigli

Raffreddore: come curarlo a tavola
Salute

Raffreddore: come curarlo a tavola

Cinque cibi da evitare a colazione
Salute

Cinque cibi da evitare a colazione

Mascherina come si indossa nel modo corretto
Salute

Mascherina come si indossa nel modo corretto

La mascherina deve essere non solo indossata quando è opportuno ma è fondamentale indossare la mascherina nel modo corretto: ecco come fare!

Leggi di più