La curcumina per combattere ansia e stress

E’ il principio attivo di una spezia nota soprattutto in cucina per dare sapore ai piatti, ma non tutti sanno che è anche un toccasana per la salute…

La curcuma (Curcuma Longa) arriva dal sud-est asiatico ed una è radice tipo lo zenzero, di colore arancio e non giallo, molto apprezzata in cucina dove viene impiegata soprattutto nelle ricette etniche e, più in generale, per insaporire i piatti essendo l’ingrediente principale del curry indiano. Il suo principio attivo è la curcumina largamente impiegata nella medicina ayurvedica per le sue molteplici proprietà, considerata addirittura la regina delle spezie. La curcumina, infatti, è risultata antibatterica, antiossidante, antitumorale e un aiuto per combattere le malattie neurodegenerative, per esempio l’Alzheimer e il Parkinson. Inoltre è utile nella digestione perchè stimola la secrezione biliare e il suo deflusso verso l’intestino. Riduce il colesterolo, ha anche un’azione antinfiammatoria sulle articolazioni e sulle ossa. Usato come rimedio per le malattie della pelle mediante impacchi contro eczemi, scabbia e acne.

Alleato contro ansia e stress

Ma la regina delle spezie, a quanto pare, è un valido aiuto anche per combattere ansia e stress grazie alle sue proprietà antidepressive. Numerosi studi, infatti, dimostrerebbero l’effetto positivo della curcumina sulla neurogenesi nell’ippocampo con la conseguente riduzione di stress, depressione e ansia. Altre ricerche proverebbero che la curcumina migliora le funzioni mentali: un sondaggio condotto su 1010 asiatici di età compresa tra i 60 e i 93 anni che mangiavano curry giallo, ha mostrato che coloro che ne mangiavano almeno una volta ogni sei mesi, o anche di più, avevano uno stato mentale migliore rispetto a chi lo utilizzava meno spesso. Un valido aiuto, dunque, in quei periodi di stress mentale in cui speso si ricorre ai farmaci senza, invece, sapere che esistono numerosi rimedi naturali altrettanto efficaci e, soprattutto, senza effetti collaterali.

Come usarla e in che quantità

Per millenni la curcuma è stata usata senza badare troppo alle quantità, a ogni modo la dose ideale consigliata corrisponde a circa 2 cucchiaini da caffè al giorno da distribuire sui piatti per insaporirli ma anche messa nelle salse, yogurt o bevande. C’è chi la utilizza  aggiunta all’olio di oliva come un normale condimento per i pasti. Tuttavia va tenuto presente che il nostro organismo non assimila facilmente questa sostanza, quindi sarà meglio associarla al pepe nero e al thè verde oppure a qualche grasso, per esempio il burro, che ne facilitano l’assorbimento. Evitare di assumerla se si soffre di calcoli biliari.

Ti potrebbe interessare anche

Salute

Menopausa precoce: i sintomi

Salute

5 mosse per alleviare lo stress

Sigarette elettroniche e morti in America: cosa sta succedendo?
Salute

Sigarette elettroniche e morti in America: cosa sta succedendo?

Meditazione trascendentale: che cos'è e come praticarla
Salute

Meditazione trascendentale: che cos’è e come praticarla

Autunno: buoni propositi per vivere bene e in forma
Salute

Autunno: buoni propositi per vivere bene e in forma

Dieci consigli per non prendere l’influenza
Salute

Dieci consigli per non prendere l’influenza

Ciclo e ormoni: vivi in armonia con il tuo corpo
Salute

Ciclo e ormoni: vivi in armonia con il tuo corpo

Cosa fare in caso di irritazione da medusa
Salute

Cosa fare in caso di irritazione da medusa

La dieta del riso: ma come funziona?
Dieta

La dieta del riso: ma come funziona?

Tre giorni detox e nove per il dimagrimento veloce: ecco cosa c’è da sapere del regime alimentare messo a punto quasi un secolo fa e tornato di gran moda.

Leggi di più