Ansia da prestazione: riconoscerla e combatterla

Come tenere sotto controllo l’ansia da prestazione

L’ansia da prestazione è un disturbo molto diffuso: impariamo a riconoscerla e gestirla.

È un problema che affligge molte persone e a volte diventa invalidante. Parliamo dell’ansia da prestazione, che si manifesta quando non si è capaci di superare del tutto una situazione di pericolo. Viene percepita come uno stato di allarme e di attivazione, che però non corrisponde ad un pericolo reale da fronteggiare, trasformandosi in una preoccupazione sproporzionata e diventando un disturbo psichico.

Chi sono i soggetti predisposti

L’ansia da prestazione si manifesta spesso negli studenti universitari sotto forma di ansia da esame, con sentimenti di fragilità ed inadeguatezza. È legata alla paura di ricevere un voto basso, che viene associato alla paura di perdere la stima e l’approvazione degli altri. Chi soffre di questo tipo di ansia immagina che, insieme alla propria preparazione, venga valutata anche la propria intelligenza. L’ansia da prestazione riguarda anche la sfera sessuale. È problema molto diffuso nella società moderna, spesso legato alla grande competizione esistente tra uomo e donna e alla pressione dei media relativamente alla sfera sessuale. Questo determina paura di non piacere, di non essere capaci e di non essere all’altezza del partner. La paura dell’insuccesso rende difficoltoso lo svolgimento dell’atto sessuale.

Come gestire l’ansia da prestazione?

È spontaneo domandarsi se è possibile gestire l’ansia da prestazione. Esistono alcune strategie per tenerla sotto controllo. Nel caso di ansia da esame si utilizzano le tecniche cognitive-comportamentali, tra cui la desensibilizzazione sistematica, che danno buoni risultati. La persona ansiosa viene sottoposta a varie situazioni ansiogene, dalle meno stressanti alle più minacciose, in modo progressivo, e durante il trattamento deve applicare tecniche di rilassamento muscolare e di visualizzazione di pensieri positivi. Nel caso dell’ansia da prestazione sessuale, la terapia interviene sulle convinzioni della persona e sulle sue insicurezze, sostituendo i pensieri negativi con pensieri positivi e più funzionali. Si insegna alla persona che il fallimento può accadere, ma è un momento per riflettere e ripartire più forti. In caso di forte ansia si possono effettuare esercizi di respirazione e di meditazione poco prima di affrontare la tanto temuta prova. Un’altra strategia è l’assunzione di qualche goccia sublinguale di Fiori di Bach una decina di minuti prima. Questo trucco è molto usato dagli attori di teatro, per vincere la paura del palcoscenico.

Ti potrebbe interessare anche

Sigarette elettroniche e morti in America: cosa sta succedendo?
Salute

Sigarette elettroniche e morti in America: cosa sta succedendo?

Meditazione trascendentale: che cos'è e come praticarla
Salute

Meditazione trascendentale: che cos’è e come praticarla

Autunno: buoni propositi per vivere bene e in forma
Salute

Autunno: buoni propositi per vivere bene e in forma

Dieci consigli per non prendere l’influenza
Salute

Dieci consigli per non prendere l’influenza

Ciclo e ormoni: vivi in armonia con il tuo corpo
Salute

Ciclo e ormoni: vivi in armonia con il tuo corpo

Cosa fare in caso di irritazione da medusa
Salute

Cosa fare in caso di irritazione da medusa

Bagno in estate? Tra ghiaccio e spezie alcuni consigli
Salute

Chi l’ha detto che in estate si può fare solo la doccia rinunciando a un bagno rilassante?

Come combattere il caldo a tavola, ecco i cibi anti afa
Salute

Come combattere il caldo a tavola, ecco i cibi anti afa

Mai pensato di fare yoga in spiaggia? La sequenza da fare
Fitness

Mai pensato di fare yoga in spiaggia? La sequenza da fare

Permette di stare a contatto con la natura, respirare aria buona e soprattutto rilassarsi con il rumore delle onde. Ecco la sequenza yoga da praticare in spiaggia.

Leggi di più