Cerfoglio: rimedio naturale contro punture di insetti

Cerfoglio: rimedio naturale contro punture di insetti

Il cerfoglio è un rimedio naturale per le punture di insetto che provocano rossore, gonfiore e prurito. Questa pianta lenisce il fastidio e riduce l’infiammazione.

Ebbene sì, anche d’inverno non si scappa: le punture degli insetti sono sempre dietro l’angolo. Diverse sono le tecniche utilizzate per tenerli lontani: dalla citronella agli zampironi fino all’utilizzo di spray e oggettini a ultrasuoni.
Ma spesso questi insetti riescono comunque a pungerci. È possibile riuscire a evitare di grattarsi? Per lenire i fastidi delle punture di insetto, ecco che ci viene in soccorso il cerfoglio, una pianta dai mille usi importata dalla Russia.

Cerfoglio: le origini

Giunta in Europa nel 1700 dalla Russia, il Cerfoglio è una pianta dalle innumerevoli proprietà. Il suo nome scientifico è Anthriscus cerefolium ed è una pianta nota sin dall’Antica Roma.
Di dimensioni contenute (raggiunge in media i 40-70 cm), ha foglie verdi e fiori bianchi ed è utilizzato, oltre che nell’omeopatia, anche in ambito culinario, al posto del  prezzemolo. In questo ambito è molto utilizzato in Francia (dove viene messo sopra le omelette) e in altri parti del mondo, dove viene apprezzato per il sapore più delicato rispetto a quello del suo “rivale”, mentre è più raro trovarlo nelle cucine del nostro Paese.
Fra le varie proprietà del Cerfoglio, si trovano quelle drenanti, depurative, digestive, antisettiche e antinfiammatorie, per questo motivo è considerato un ottimo emolliente, per il trattamento delle punture di insetto.

Punture d’insetto: come lenire il fastidio con il cerfoglio

Il cerfoglio è una pianta che, a seconda dell’uso, può essere assunta oralmente o utilizzata per via topica.
Le sue proprietà lenitive e antinfiammatorie consentono di creare un ottimo cataplasma, da massaggiare sopra punture di insetto (o altre lesioni cutanee come le emorroidi, piccole ulcere e contusioni) che provocano arrossamento della pelle, gonfiore e prurito.
Preparare questo “antidoto” è piuttosto semplice, grazie alla facile reperibilità del cerfoglio, che cresce ormai spontaneamente nei prati. Per procedere è sufficiente raccogliere alcune foglie di cerfoglio, schiacciarle e avvolgerle in una garza. A questo punto basterà tamponare la zona interessata.
Questo rimedio è piuttosto sicuro in quanto, contrariamente ad altre piante, non sono noti effetti indesiderati né controindicazioni.



Resveratrolo per rinforzare i capelli: in quali alimenti si trova
Rimedi Naturali

Resveratrolo per rinforzare i capelli: in quali alimenti si trova

Olio essenziale di patchouli: gli usi e le proprietà benefiche
Rimedi Naturali

Olio essenziale di patchouli: gli usi e le proprietà benefiche

Tarme lana: come riconoscerle e come debellarle con rimedi naturali
Rimedi Naturali

Tarme della lana: come riconoscerle e come debellarle con rimedi naturali

Essenze per rilassarsi
Rimedi Naturali

Essenze per rilassarsi

Rimedi Naturali

Olio di tea tree: come usarlo come deodorante

Rimedi Naturali

L’infuso energizzante per concentrarsi meglio durante l’inverno

Astragalo: rimedio naturale anti stress e stanchezza
Rimedi Naturali

Astragalo: rimedio naturale anti stress e stanchezza

Olio tea tree o melaleuca: proprietà, controindicazioni, usi
Rimedi Naturali

Olio tea tree o melaleuca: proprietà, controindicazioni, usi

Come perdere peso senza dieta: 10 consigli
Salute

Come perdere peso senza dieta: 10 consigli

Dimagrire senza rinunciare alla vita sociale e al piatto del cuore? Si può! Scoprite come perdere peso senza seguire una dieta ferrea e restrittiva.

Leggi di più