Olio di canfora

Olio di canfora: un rimedio per tanti problemi. Vediamo insieme le sue proprietà e gli utilizzi di quest'olio straordinario.

Olio di canfora
Olio di canfora: tutte le proprietà.

L’olio essenziale di canfora è da sempre noto per le sue proprietà antinfiammatorie e balsamiche, tanto da essere uno dei più utilizzati in aromaterapia. Ma cerchiamo di conoscerlo più da vicino, scoprendone le caratteristiche, le proprietà e gli impieghi.

L’olio di canfora si ricava dalla corteccia della pianta Cinnamomum camphora, un albero sempreverde, che può vivere fino a 200 anni. È molto diffuso in Cina, in Giappone, in India, in Indonesia, ma viene coltivato anche nelle zone bagnate dal Mar Mediterraneo.

L’estrazione dell’olio richiede diversi passaggi, fino ad arrivare alla distillazione in corrente di vapore, da cui si ricava l’olio comunemente conosciuto. È di colore giallo paglierino, ha un odore acre e pungente, ma soprattutto ha delle indiscusse proprietà positive. Vediamole una per una.

Le proprietà dell’olio di canfora

L’olio di canfora esercita una azione stimolante sul sistema circolatorio, con un effetto tonificante ed energizzante, soprattutto in caso di stanchezza, ipotensione, astenia, collassi e stati di shock. Inalandolo al mattino si riceve una sferzata di energia per tutta la giornata.

È un ottimo antinfiammatorio: difatti, massaggiandolo sulla parte dolorante, contribuisce a curare contusioni, distorsioni, strappi e dolori muscolari. È consigliabile soprattutto per gli sportivi, prima dell’allenamento o della competizione, per prevenire i traumi, ma anche dopo la prestazione come defaticante.

Ha, inoltre, una azione vasocostrittrice: è caldamente raccomandato per chi soffre di insufficienza venosa o semplicemente per chi ha le gambe stanche dopo una giornata lavorativa. Massaggiandolo sulle gambe aiuta a ridurre i disturbi circolatori, gli edemi ed i ristagni linfatici, dando sollievo alle gambe gonfie e stanche.

È noto anche per le sue proprietà balsamiche: si utilizza come mucolitico e decongestionante in caso di raffreddore, sinusite e tosse.

Non bisogna dimenticare, infine, l’azione antiparassitaria contro tarme, mosche e moscerini.

Una piccola curiosità: la tradizione popolare riteneva che l’olio di canfora fosse in grado di calmare i desideri sessuali. Per questo motivo i monaci, per osservare meglio il voto di castità, ne portavano un sacchettino appeso al collo.

Utilizzi dell’olio di canfora

Passiamo ora agli impieghi dell’olio di canfora. Si utilizza moltissimo come olio distensivo in caso di contratture o affaticamento muscolare, abbinato all’olio di mandorle.

Basta diluire 10 gocce di olio di canfora in 100 ml di olio di mandorle dolci per alleviare i dolori da reumatismi, slogature e contusioni.

Sempre nell’ambito dei disturbi reumatici si usa per preparare dei bagni tonificanti: basta versarne 10 gocce nella vasca da bagno riempita di acqua calda e rimanere in ammollo per circa 20 minuti. Si favorirà così la riattivazione del sistema circolatorio.

L’olio di canfora è molto usato anche come unguento balsamico per le vie respiratore. Combinando 5 gocce di questo olio, con 3 gocce di olio di eucalipto, 3 gocce di olio di niaouly e 50 ml di burro di karité, si ottiene un ottimo decongestionante.

Ottimo anche nella produzione di lozioni per la pelle grassa: sono sufficienti 8 gocce di olio in 200 ml di acqua distillata. La soluzione così ottenuta va tamponata, mediante una garza sterile, sulle zone affette da foruncolosi o acne.

L’olio puro viene adoperato come rimedio antitarme, mettendone 5 gocce su un batuffolo di cotone o su un panno di lino e ponendolo negli armadi e nei cassetti. La canfora ha però una controindicazione: ad alti dosaggi è tossica. Quindi le gravide e chi soffre di epilessia devono assolutamente evitarla. Non va poi applicata su graffi, ferite aperte e zone con escoriazioni.


Vedi altri articoli su: Rimedi Naturali |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *