Ipertensione: 2 diete e 5 alimenti per contrastarla

Un regime alimentare povero di sodio e di grassi è un primo grande passo per tenere sotto controllo la pressione alta. A dimostrarlo c’è anche il successo della dieta DASH

Misurare la pressione

L’ipertensione o pressione alta è un problema che purtroppo riguarda un gran numero di persone. La buona notizia è che è possibile fare molto per tenere sotto controllo la pressione agendo anche sulla propria dieta. Un corretto regime alimentare può infatti aiutare: soprattutto l’assunzione e la contemporanea sostituzione di alcuni alimenti, più propriamente delle sostanze in essi contenuti. Attenzione però: siamo lontani dal dire che una dieta può essere sostituita ai farmaci. Diciamo piuttosto che aiuta e in più può assicurarvi la perdita di qualche chilo di troppo, che non fa mai male.

Dieta iposodica

Saliera vuota

Ridurre l’apporto di sodio nella propria dieta è il primo passo per agire a favore della pressione sanguigna alta. Attenzione: non stiamo parlando di una totale eliminazione del sodio dalla nostra dieta. Il sodio infatti è un elemento fondamentale per il nostro benessere, ma non va assunto in quantità eccessive. Naturalmente, quando si parla di dieta iposodica, la prima cosa a cui tutti siamo portati a pensare è il sale. Associazione corretta, ma non esclusiva. Il sodio è infatti contenuto in una vasta gamma di alimenti: salumi affumicati, cibi precotti, surgelati e in scatola e anche molti condimenti e salse come ketchup, senape e maionese. Quindi va bene ridurre il consumo di sale, ma attenzione anche agli apporti di determinati alimenti. Il consiglio è di sostituire il sale con spezie per insaporire e leggere attentamente le etichette dei cibi prediligendo quelli a bassissimo contenuto di sodio.

La dieta Dash

Una delle grandi protagoniste nella lotta all’ipertensione è la dieta Dash, acronimo di Dietary Approaches to Stop Hypertension. Si tratta di una dieta pensata proprio per questo tipo di problema – come suggerisce lo stesso nome – che ha avuto molto successo negli Stati Uniti e che oggi sta divampando anche nel nostro Paese. In effetti, la cosa non stupisce più di tanto visto che i principi su cui si basa la fanno assomigliare molto alla più nostrana dieta mediterranea. Dunque spazio a frutta, verdura e cereali. Ma attenzione: il punto forte della Dash è che non impone veti sugli alimenti (tranne su quelli troppo ricchi di sale e palesemente ingrassanti), ma si concentra sulla tipologia dei cibi da assumere per favorire l’abbassamento della pressione. Anche qui naturalmente si ripropone la questione sale, la cui quantità consigliata non deve superare i 2,3 grammi al giorno. Sul sito italiano dedicato, www.dietadash.it, si legge che pane e pasta non sono banditi, ma meglio preferirli integrali e in piccole porzioni. Le proteine invece possono essere assunte attraverso pesce e carni bianche oltre che dai legumi. Inoltre, si possono mangiare anche i dolci, ma è bene essere equilibrati anche in questo.

 
Aglio
I 5 alimenti giusti per l’ipertensione

Esistono comunque degli alimenti che fanno bene in caso di pressione alta. Prima di tutto il consumo d’aglio e poi limone – utilizzato anche per una dieta specifica, la dieta del limonebasilico, patate e riso. In consiglio è dunque non farli mancare nella vostra dieta. Prendete spunto dalle nostre ricette sane e gustose: le patate croccanti in padella, le patate ripiene con verdure e formaggio, le crocchette di patate, o ancora un gustoso timballo di riso con fiori di zucca, l’insalata di riso e il risotto allo zafferano con radicchio.


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *