girodito
Benessere

Giradito: cos’è e come si cura

Il giradito è un’infiammazione delle dita della mano. Quella più comune è definita superficiale, ma esiste anche un’infiammazione profonda che raggiunge la parte sottocutanea e addirittura le ossa.

Sottocute o superficiale l’infiammazione acuta delle dita può essere chiamata giradito ma anche con il termine più preciso e scientifico di patereccio. Ad essere colpite sono principalmente le dita della mano, più raramente quelle del piede. L’infezione è provocata da un germe, solitamente stafilococco che attraverso una scheggia o una ferita raggiunge e interessa una o più dita della mano e che si manifesta più frequentemente tra le persone che hanno il vizio di rosicchiarsi le unghie e le pellicine.

Giradito superficiale

A seconda dell’importanza dei tessuti alterati, si distinguono due tipi di giradito: il primo è quello superficiale, meno doloroso e curabile in tempi più brevi, il secondo invece è definito giradito profondo perché coinvolge la zona sotto-epidermica delle dita.  Quello superficiale è senza dubbio il più comune e si manifesta con un arrossamento importante dei polpastrelli e del perimetro delle unghie raggiungendo talvolta l’altezza della prima o della seconda falange. Oltre all’arrossamento altri sintomi dell’infiammazione possono essere la febbre, l’aumento del volume del dito e forti dolori. Già dai primi segnali, per evitare di bloccare l’infiammazione e di tornare ad una condizione di equilibrio senza ricorrere a farmaci, si possono provare impacchi di acqua calda e sale da ripetere tre volte al giorno per sedare l’infiammazione. Se l’arrossamento e i dolori non si placano è però necessario rivolgersi al medico che proporrà un trattamento locale con l’applicazione di antisettici o prescriverà una terapia antibiotica per evitare che la forma si acutizzi e degeneri.

 Giradito profondo

Trascurare l’infiammazione originaria può provare danni più seri e un giradito superficiale può raggiungere nell’arco di pochi giorni la parte sottocutanea e addirittura le ossa delle dita. A volte, invece il giradito profondo si manifesta improvvisamente, dopo inoculazione diretta del  germe nella guaina dei flessori delle dita, e può provocare un’osteite (quando l’infiammazione coinvolge l’osso della falange) o artrite (quando ad essere interessata è un’articolazione tra due falangi). Le affezioni più gravi possono colpire anche i tendini, provocando non solo dolore ma anche scarsa mobilità alla mano. Il trattamento in questo caso è determinante e fondamentale se non si vuole correre il rischio che il girodito profondo degeneri in una setticemia. Come si cura il giradito profondo? Molto spesso l’antibiotico non basta ed è necessario intervenire chirurgicamente. L’intervento avviene solitamente in anestesia locale e consiste nell’asportazione da parte del chirurgo di pus e i tessuti necrotici, per poi procedere con un’attenta pulizia della piaga. Nei 10 giorni successivi all’intervento sarà necessario assumere antibiotici per disinfiammare la parte ed evitare l’attacco di nuovi germi.



Le 5 migliori coppette mestruali e perché sceglierle
Salute

Le 5 migliori coppette mestruali e perché sceglierle

Esercizi cardio
Fitness

Esercizi cardio: dimagrire a casa come in palestra

I dieci effetti benefici del limone
Dieta

I dieci effetti benefici del limone

Rimedi naturali per tenere lontane le zanzare
Rimedi Naturali

Rimedi naturali per tenere lontane le zanzare

10 migliori colluttori per prevenire la placca
Salute

10 migliori colluttori per prevenire la placca

5 accessori che ti fanno amare fare yoga a casa
Fitness

5 accessori che ti fanno amare fare yoga a casa

Semi di chia, proprietà benefiche e controindicazioni
Salute

Semi di chia, proprietà benefiche e controindicazioni

Tannini: cosa sono, dove si trovano e a cosa fanno bene?
Rimedi Naturali

Tannini: cosa sono, dove si trovano e a cosa fanno bene?

Semi di chia, proprietà benefiche e controindicazioni
Salute

Semi di chia, proprietà benefiche e controindicazioni

I semi di chia sono considerati dei veri e propri superfood per le loro proprietà nutritive. Scopriamo perché fanno bene e come usarli in cucina.

Leggi di più