Ferritina bassa e alta: quali sono le cause

Alterati livelli di ferritina: le cause e come affrontarli.

Ferritina bassa e alta
Ferritina bassa e alta.

La ferritina è una proteina globulare, una molecola formata da una sorta di guscio proteico all’interno del quale sono immagazzinati gli atomi di ferro. Una sola molecola di ferritina riesce a contenere fino a 4500 atomi di ferro.

Viene considerata, infatti, la molecola di stoccaggio del ferro nell’organismo. Per questo motivo è presente in tutti i tessuti, in modo particolare nelle cellule del fegato, della milza e del midollo osseo.

Il ferro è un metallo che rientra nel gruppo dei micronutrienti indispensabili per il corretto funzionamento dell’organismo. Esercita un ruolo chiave nel trasporto dell’ossigeno nel sangue, la moltiplicazione cellulare e per il mantenimento strutturale di organi e tessuti.

Viene assorbito a livello intestinale e trasportato ai vari organi e al midollo osseo attraverso un’altra proteina detta transferrina, che lo cede alla ferritina.

I valori ottimali di ferritina sono: 24-336 mcg/l per gli uomini e 11-307 mcg/l per le donne. La concentrazione di ferritina a livello ematochimico è proporzionale alla sua quantità nei diversi tessuti dell’organismo: è un indicatore, quindi, della presenza o meno di patologie legate al metabolismo del ferro.

Si possono verificare sia situazioni di eccesso (ferritina alta) sia di carenza (ferritina bassa). Ma cosa succede quando si ha un alterato livello di ferritina?

Alterazione dei valori

L’alterazione dei livelli ottimali di ferritina è diagnosticabile mediante gli esami del sangue, prescritti dal medico di base, insieme ad altri indicatori del metabolismo del ferro.

In caso di valori più bassi del normale, si è di fronte ad una situazione di carenza di ferro, con un possibile decorso in anemia da parte del paziente, in tempi più o meno lunghi. Andranno indagate, quindi, le cause esatte del disturbo, prima della comparsa di anemia.

Valori bassi si riscontrano frequentemente in caso di malattie infiammatorie intestinali, malnutrizione, gravidanza, mestruazioni, emodialisi e policitemia (aumento globuli rossi nel sangue).

Valori più alti di ferritina indicano un eccessivo accumulo nell’organismo, determinato da numerose malattie, tra cui l’emocromatosi (il ferro è assorbito in eccesso), talassemia (anemia mediterranea), leucemia o altre forme tumorali. Altre cause possono essere l’artrite reumatoide, la cirrosi e l’epatite, le malattie renali, l’infarto, l’ipertiroidismo, le infezioni e gli stati infiammatori.

Ferritina alta

L’iperferritinemia non è caratterizzata da sintomi particolari, ma richiede sempre molta attenzione da parte del medico curante, per comprendere la causa maggiormente connessa al problema. Se per esempio è legata ad uno stato infiammatorio si agirà diversamente rispetto ad una causa di natura epatica (transaminasi alterate con conseguente sofferenza epatica); metabolica (alterazione concomitante dei valori di glicemia, colesterolo e trigliceridi); genetica (mutazioni a livello del gene HFE); infiammatoria (acuta o cronica).

Solitamente in casi di iperferritinemia sono trattati con prelievi periodici di sangue (salassi), con una dieta a basso contenuto di ferro e con assunzione di sostante chelanti, che facilitano l’eliminazione del ferro per via urinaria.

Ferritina bassa

L’ipoferritinemia si manifesta generalmente con un senso di stanchezza diffusa, anche dopo sforzi modesti, mancanza di forza muscolare, palpitazioni, sensibilità al freddo, colorito pallido, calo della libido, irritabilità e mancanza di concentrazione.

Anche in questo caso è bene chiarire la causa: alimentare (aumentare assunzione di alimenti ricchi di ferro), malassorbitiva (agire con probiotici e acido butirrico che proteggono le pareti intestinali), emorragica (mestruazioni abbondanti e tumori), da reflusso gastro-esofageo e/o ipocloridria (scarsa produzione di acido cloridrico a livello gastrico).

In questi casi è bene assumere alimenti ricchi di ferro, associare succo di limone e/o di arancia al consumo di vegetali, curare il benessere gastro-intestinale con probiotici e simbiotici o enzimi digestivi.


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *