fichi

Fichi: contro la stanchezza del cambio di stagione

I fichi sono una fonte naturale di sali minerali e vitamine, ideali per affrontare il cambio di stagione con le giuste energie

La pianta del fico (Ficus carica) ha origini antichissime. Il suo frutto, il fico, veniva utilizzato dai popoli greci e romani. Nel Vecchio Testamento veniva già citato come simbolo di abbondanza. Fin da allora erano conosciute le sue proprietà terapeutiche e nutritive. Veniva utilizzato come alimento, come medicamento e come dolcificante. Oggi il fico viene utilizzato fresco o disidratato, viene aggiunto a macedonie oppure viene utilizzato come antipasto, perché si accompagna bene al prosciutto, al salame e al formaggio oltre che alla selvaggina. Viene utilizzato per marmellate e per farcire o preparare dolci. Ottimo è anche affogato nei superalcolici come il whisky.

Valori nutritivi

Il fico possiede numerose proprietà grazie ai principi nutritivi in esso contenuti. Ha infatti un buon contenuto di sali minerali come potassio, calcio e ferro, che aiutano il buon funzionamento del nostro organismo e vitamine del gruppo B. Il fico contiene una buona fonte di zuccheri semplici, che forniscono energia molto velocemente. Grazie al suo contenuto di calcio e ferro può essere di aiuto nei casi di stanchezza, di anemia e di osteoporosi.

fichi

Nel cambio di stagione è un frutto da consumare in quanto dà una buona quantità di energia che serve in questi periodi in cui il nostro corpo richiede ne richiede maggiormente per far fronte ai cambiamenti climatici. Il fico è un frutto ad alta digeribilità grazie al suo contenuto di enzimi e mucillagini. Ha un effetto lassativo quindi bisogna stare attenti a non esagerare nel consumo.

fichi secchi
Fichi: le calorie

Per quanto riguarda le calorie, il fico fresco possiede 47 Kcal su 100 grammi con una percentuale di acqua dell’80%, mentre il fico secco ha 256 Kcal su 100 grammi di prodotti con un contenuto di acqua del 20%.

Fichi secchi

Quindi da quando il fico inizia a maturare fino a tutto autunno, è meglio preferire il fico fresco a quello secco. I fichi secchi si possono consumare in inverno, dandoci l’energia che ci serve per affrontare le basse temperature. Ottimi abbinati con pera, mela cotta e mandorle tritate con una spruzzata di cannella. Il fico secco possiede più proprietà lassative in quanto con il processo di essiccazione vi è un aumento del contenuto di fibra. Questi si possono utilizzare come spuntini abbinati ad un buon the o tisana.

villamariachiara@gmail.com


Vedi Anche


Ti potrebbe interessare anche

Saltare i pasti aiuta a dimagrire o rallenta il metabolismo?
Dieta

Saltare i pasti aiuta a dimagrire o rallenta il metabolismo?

La dieta zero carboidrati fa bene o no?
Dieta

La dieta zero carboidrati fa bene o no?

La dieta di Okinawa: il segreto della longevità secondo il Giappone
Dieta

La dieta di Okinawa: il segreto della longevità secondo il Giappone

Dieta
Dieta

Dieta Kousmine: cosa mangiare per colazione

Insalata di orzo.
Dieta

Dieta DASH: ricette da provare

Tempo di detox
Dieta

Tempo di detox: ecco come eliminare le tossine accumulate durante l’inverno

I trend 2019.
Dieta

Dalla dieta chetogenica alla carb cycling: i trend 2019

Ciclo mestruale: quali alimenti mangiare e quali evitare
Dieta

Ciclo mestruale: quali alimenti mangiare e quali evitare

Rimedi Naturali

Cinorrodi di rosa canina quando raccoglierli e come utilizzarli

La rosa canina è una pianta dai numerosi poteri curativi. Scoprite come utilizzarla per realizzare rimedi naturali efficaci.

Leggi di più