Dieta per la pressione alta, cosa mangiare

Dieta per la pressione alta, cosa mangiare

Esiste una dieta per chi soffre di pressione alta? Ecco cosa mangiare e cosa evitare assolutamente in caso di ipertensione

Sono tantissime le persone che soffrono di ipertensione, hanno cioè la pressione arteriosa alta. Sebbene questa patologia non si manifesti con particolari sintomi specifici, può rappresentare un fattore di rischio per l’insorgenza di malattie cardiovascolari e di insufficienza renale. Per questo è importante tenerla sotto controllo affinché non superi i valori normali. Come succede nella prevenzione e cura di molti altri disturbi, a giocare un ruolo importante sono l’alimentazione e lo stile di vita. Vediamo dunque qual è la dieta da seguire e cosa mangiare oppure evitare nel caso di soffra di pressione alta.

Pressione alta, attenzione alla dieta e a cosa mangiare

Prima di offrire una panoramica sulla dieta indicata per i soggetti che soffrono di pressione alta, è opportuno spiegare brevemente cosa sia la pressione arteriosa e quando c’è da preoccuparsi.

Piuttosto chiara la spiegazione riportata sul sito del Ministero della Salute, che riportiamo testualmente: “La pressione arteriosa è la forza esercitata dal sangue contro la parete delle arterie. A ogni battito del cuore, il sangue esce dal ventricolo sinistro attraverso la valvola aortica, passa nell’aorta, e si diffonde a tutte le arterie.  Quando il cuore si contrae e il sangue passa nelle arterie, si registra la pressione arteriosa più alta, detta ‘sistolica’ o ‘massima’; tra un battito e l’altro il cuore si riempie di sangue e all’interno delle arterie si registra la pressione arteriosa più bassa, detta ‘diastolica’ o ‘minima’”.

Generalmente, la pressione si misura in modo indiretto attraverso strumenti appositi. Il più noto e il più accurato è lo sfigmomanometro, composto da un bracciale di gomma che è collegato da un lato ad una piccola pompa a mano, dall’altro ad un manometro a colonna di mercurio.

L’unità di misura della pressione è definita in millimetri di mercurio: due numeri indicano quella sistolica o massima e quella diastolica o minima. Questi due valori sono normali quando sono rispettivamente a 120 e 80 mmHg. Si parla di ipertensione quando questi due valori superano i 140 per la prima e i 90 per la seconda.

Controllare la pressione a tavola: via il sale

In Italia, secondo i dati ministeriali, si stima che siano circa 15 milioni le persone che soffrono di ipertensione, ma non tutti ne hanno consapevolezza. Questo avviene perché non tutti controlliamo la nostra pressione arteriosa regolarmente, mentre conoscerne i valori è importante per poter eventualmente intervenire, regolarizzandola.

Uno dei modi migliori per ridurre la pressione alta è seguire una corretta alimentazione, iniziando fin da subito a ridurre il sale per condire i cibi. Al suo posto si possono utilizzare erbe e spezie che conferiscano gusto e sapore ai nostri piatti ma in maniera più sicura e salutare. Va ricordato, tra l’altro, che il sale è responsabile anche della ritenzione idrica e un eccessivo consumo contribuisce all’insorgenza dell’odiosa cellulite (qui una crema fai da te da provare). Secondo gli esperti, la dose giornaliera di sale non dovrebbe mai superare i due cucchiaini al giorno.

Pressione alta: cosa non mangiare

È chiaro che per ottenere i migliori benefici in caso di ipertensione, sarebbe opportuno consultare un dietologo o un nutrizionista, gli unici in grado di poter prescrivere una dieta personalizzata. Ogni persona, infatti, è diversa e necessita di un regime alimentare sviluppato in base alle proprie esigenze e al proprio stato di salute. Ma d’altra parte, può essere utile sapere cosa mangiare e cosa evitare in caso di pressione alta, anche dal punto di vista della prevenzione.

Innanzitutto, bisogna cercare di mantenersi in forma, evitando di accumulare chili di troppo. E quale modo migliore per farlo se non seguendo una dieta ipocalorica e praticando costante attività fisica (magari organizzando una palestra in casa)?

Poi andrebbe ridotto il consumo di tutte quelle carni salate e ricche di grassi animali come insaccati e salumi. Da evitare anche i legumi in scatola che potrebbero contenere sale e correttori. Non aiutano a far abbassare la pressione, i formaggi stagionati, soprattutto se molto saporiti, e quelli eccessivamente grassi: meglio prediligere quelli più freschi e leggeri.

Anche le modalità di preparazione dei cibi possono incidere sull’ipertensione: la cottura vapore e quella ai ferri, ad esempio, sarebbero da preferire agli arrosti e alle fritture. Poi, limitare l’alcol e il fumo di sigaretta contribuisce non solo a regolarizzare la pressione arteriosa ma anche a prevenire molte altre patologie.

Gli alimenti da prediligere

La pressione alta può essere caratterizzata da una sintomatologia aspecifica, seppure di lieve entità. Per arginare la comparsa di questi fastidi – come stanchezza, ronzio nelle orecchie, palpitazioni, mal di testa e sangue dal naso – potrebbe essere opportuno consumare determinati alimenti.

L’aglio, ad esempio, si rivela un prezioso alleato contro l’ipertensione: considerato un vero e proprio farmaco naturale, dilata le arterie, purifica il sangue e tonifica l’apparato cardiocircolatorio. Azione simile la svolge anche il peperoncino, noto per la sua azione di vaso dilatatore (ecco come coltivarlo).

Via libera anche ai cibi ricchi di magnesio, vitamine, potassio (gli ortaggi ne sono ricchi) e calcio.  Non hanno, invece, particolari controindicazioni – ma è sempre bene inserirli nella dieta – la frutta, le verdure, il pesce azzurro. Quest’ultimo, tra l’altro, contiene omega 3 che apporta reali benefici sul controllo della pressione alta e sul fronte della prevenzione delle malattie cardiovascolari. 

Tra gli alimenti da non far mancare a tavola contro l’ipertensione anche la barbabietola rossa, il sedano, i cereali, i legumi, le noci e la frutta secca in generale.

Ai più golosi, poi, farà piacere sapere che non è vietato il cioccolato: quello fondente è ricco di flavonoidi, antiossidanti naturale che preservano lo stato di salute del cuore.



Dieta anticellulite consigli e errori da evitare
Dieta

Dieta anticellulite: consigli e errori da evitare

Dieta panzironi come funziona
Dieta

Dieta Panzironi: come funziona

La dieta delle fasi lunari, come funziona
Dieta

La dieta delle fasi lunari, come funziona

Dieta ipocalorica come funziona
Dieta

Dieta ipocalorica: come funziona

Troppo zucchero fa male: come evitare gli eccessi
Dieta

Troppo zucchero fa male: come evitare gli eccessi

La dieta macrobiotica: come funziona
Dieta

La dieta macrobiotica: come funziona

Dieta per massa muscolare: i cibi proteici che ne aiutano la crescita
Dieta

Dieta per massa muscolare: i cibi proteici che ne aiutano la crescita

La dieta del riso: ma come funziona?
Dieta

La dieta del riso: ma come funziona?

Dieta panzironi come funziona
Dieta

Dieta Panzironi: come funziona

Proteine da mattino a sera, carboidrati con il contagocce e integratori specifici: la dieta Panzironi promette di farti vivere fino a 120 anni.

Leggi di più