Dieta colite: cosa mangiare e cosa no

Utili consigli sull'alimentazione da seguire per la patologia del secolo: la colite.

SOS colite
SOS colite: alcuni consigli utili sull'alimentazione da seguire.

Molte persone ne soffrono e da tempo cercano strategie utili per tenerla a bada. Di cosa parliamo? Della colite, chiamata dal punto di vista tecnico “sindrome del colon irritabile o IBS”.

Cos’è la colite?

Si tratta di un disturbo che interessa l’intero colon o solo una sua parte, che risulta infiammata e spesso dolorante.

Colpisce circa il 10-15% degli adulti a livello mondiale e non è associato ad un aumento del rischio di malattie gravi dell’intestino. Ha però un notevole impatto sulla qualità della vita delle persone, a causa dei sintomi molto simili a quelli delle intolleranze alimentari.

Le persone affette da colite lamentano dolori addominali, gonfiore, crampi, diarrea alternata a stitichezza. Il senso di dolore e di gonfiore generalmente migliorano dopo la defecazione. Le cause di questo disturbo non sono ancora ben chiare: probabilmente è il risultato della combinazione di alcuni fattori, come quelli genetici, psicologici, alimentari, ambientali e patologici.

Cerchiamo ora di conoscere quante tipologie di colite esistono e quale è l’alimentazione più corretta da seguire.

Tipi di colite

Esistono due tipologie di colite: primaria e secondaria.

La prima è originata da problemi a livello del colon, la seconda deriva da disturbi che riguardano altri organi. Inoltre, la colite si distingue in acuta, ossia quei casi che si manifestano all’improvviso, e cronica, che è la conseguenza di episodi avuti in precedenza e che si ripetono nel tempo.

Esiste poi una forma molto particolare di colite, detta colite o rettocolite ulcerosa, una malattia cronica dell’intestino, caratterizzata da una importante infiammazione a livello del colon. Si caratterizza per la presenza di scariche diarroiche, miste a muco e sangue e va trattata con farmaci specifici.

Cosa mangiare

Passiamo ora alla dieta corretta per la colite e cerchiamo di capire cosa mangiare e cosa evitare.

Gli alimenti da preferire sono gli alimenti amidacei come pasta, riso, pane, orzo, farro, avena, cracker, fette biscottate e biscotti secchi, ma anche carne (preferibilmente quella bianca) e i pesci non grassi (freschi e surgelati), cucinati in modo semplice e senza intingoli.

Si possono consumare con moderazione alcuni formaggi a minor contenuto di lattosio e lo yogurt, ricco di fermenti lattici.

Sono consentite anche frutta, preferibilmente sbucciata e lontano dai pasti, e la verdura, meglio se cotta e non eccessivamente fibrosa. Usare solo olio extravergine di oliva per condire.

È importante bere almeno 2 litri di acqua al giorno, anche sotto forma di tisane come malva, finocchio e melissa.

Cosa evitare

Bisogna invece evitare gli alimenti troppo ricchi di grassi come i dolci alla crema e con la panna, i fast-food, i piatti pronti e gli alimenti confezionati come pizze, focacce e merendine.

È importante limitare il caffè, il cacao, il e le spezie per la loro azione stimolante.

Anche il latte va limitato: il lattosio, infatti, tende a peggiorare i sintomi della colite.

Lo stesso vale per i legumi: si possono consumare tritandoli al passaverdure, in modo da eliminare la cuticola.

Evitare aglio e cipolla cruda, come anche alcune verdure come peperoni, broccoli e cavolfiori (o meglio consumarli con moderazione).

Infine meglio non consumare maionese, ketchup e senape.


Vedi altri articoli su: Dieta | Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *