Cortisone naturale: dove si trova e quali sono i suoi benefici

In presenza di condizioni di salute si potrebbe decidere di utilizzare il cosiddetto cortisone naturale omeopatico. Ribes nero e curcuma, ma anche lo zenzero sono utili al curare il nostro organismo

Ribes nigrum

Sappiamo benissimo a cosa serve il cortisone, ma si può optare anche per una variante omeopatica e naturale. Esattamente come per gli altri farmaci chimici, anche il cortisone può comportare la comparsa di effetti collaterali anche importanti, fra i quali aumento di peso, ipertensione, sbalzi d’umore, acne, fragilità capillare, ritenzione idrica, insonnia. Inoltre può causare un innalzamento del valore di glicemia nei soggetti diabetici, oltre a problemi gastrici, irritabilità e gonfiore.
Per evitare di andare incontro a questi o ad altri effetti, in presenza di problemi o condizioni di salute che richiedono l’utilizzo di cortisone, si potrebbe decidere quindi di utilizzare il cosiddetto cortisone naturale omeopatico, un farmaco naturale che potrebbe comportare senza dubbio minori rischi ed effetti indesiderati rispetto al normale cortisone.

Un farmaco a base di cortisone è utile in molteplici casi come per curare la congiuntivite o rimediare alle allergie stagionali. Tuttavia, vale la pena ricordare che si tratta pur sempre di un ormone il cui utilizzo causa diversi effetti negativi. In alcuni casi, può rivelarsi utile provare i rimedi naturali. Uno fra tutti è il ribes nigrum o ribes nero: gemme, bacche e foglie contengono sostanze benefiche per la salute. Agiscono contro le infiammazioni, stimolando le ghiandole surrenali a produrre cortisolo, un ormone con le stesse qualità del cortisone ma endogeno, cioè interno all’organismo e quindi facilmente gestibile da parte del corpo. Può essere utilizzato per mal di gola, rinite, allergie o congiuntivite.
Un altro cortisone naturale è lo zenzero, dalla potente efficacia antinfiammatoria. Alcuni studi confermano che i principi attivi contenuti nell’alimento sono in grado di svolgere un’azione benefica contro l’artrite reumatoide e l’osteoartrite.

Tra le proprietà benefiche della curcuma, possiamo ricordare la sua potente azione antiallergica grazie alla presenza di curcumina, un principio attivo molto valido per prevenire e curare le allergie. Può essere usato anche per contrastare alcune infiammazioni come l’uveite che colpisce il tratto uveale dell’occhio.
Una alternativa ulteriore, forse meno nota delle altre, è l’estratto del Cardiospermum Halicacabum, una pianta originaria di India, Africa e Sud America. Svolge un’azione antinfiammatoria all’interno dell’organismo ed è utile come rimedio omeopatico contro le allergie. Il suo uso è anche topico, come pomata di cortisone naturale contro i dolori articolari.
Infine, il Ganoderma lucidum o Reishi, è il fungo tipico di Cina e Giappone, la cui efficacia è stata provata già all’inizio degli anni ’90. Lo si può assumere sotto forma di compresse sotto stretto controllo di uno specialista. Le dosi, infatti, variano a seconda della patologia da curare.
I rimedi andrebbe assunti, nelle dosi consigliate, fino a quando i sintomi non saranno svaniti. Ricordiamo che in ogni caso è sempre importante chiedere consiglio al proprio farmacista o al proprio medico omeopata.


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *