Come far passare il dolore? Incrociando le dita

Lo sostiene una ricerca dello University College of London e dimostrerebbe che il gesto di incrociare le dita è in grado di alleviare la percezione generale del dolore del nostro organismo.

Incorciare le dita permette di alleviare la sensazione generale di dolore fisico

A volte si fa fatica a credere a certe scoperte della comunità scientifica perché sostengono affermazioni tanto curiose quanto inimmaginabili, eppure questa scoperta dell’University College of London ha individuato la capacità di alleviamento del dolore data dal semplice gesto di incrocio delle dita.

Ma come è possibile? Lo studio, che ha portato ad affermare questa inaspettata qualità del più famoso gesto scaramantico del mondo, è stato realizzato secondo il metodo dell’illusione della griglia termica, una metodologia di ricerca controllata del dolore, che non provoca nessun danno alla pelle e consiste nell’applicazione di applicazioni variate di freddo e caldo sulle dita. La tipica sensazione di bruciore che a tutti è capitato di provare in caso di alternanza termica è data dall’interazione delle vie sensoriali di caldo, freddo e dolore ed è un’illusione vera e propria che il nostro sistema nervoso vive.

Normalmente il freddo è in grado di inibire i ricettori del dolore, ma l’associazione seguente del caldo li riattiva, creando questa confusione percettiva che genera il bruciore dell’illusione della griglia termica.

I risultati della sperimentazione hanno dimostrato che la messa in opera di un modello spaziale è in grado di modulare l’intensità del dolore, infatti quando il dito che riceveva la stimolazione fredda era posto tra le due dita che ricevevano la stimolazione calda, il soggetto percepiva una netta sensazione di bruciore. nel caso invece in cui il dito che riceveva il freddo si trovava verso una posizione esterna rispetto alle dita che ricevevano il caldo, la sensazione di bruciore provata dal soggetto si riduceva.

Come si spiega questa illusione termica?

Perché questo fenomeno? Il nostro cervello utilizza le informazioni relative alla posizione di ciascuno stimolo fisico rispetto agli altri per produrre la sensazione di bruciore su un solo dito. Questa è una ricerca base ma che è in grado di suggerire prospettive più ampie: ossia che il dolore possa essere in qualche modo modulato meccanicamente semplicemente applicando altri stimoli sul corpo andando così a modificare la posizione della zona dolorante nello spazio in cui è contestualizzata.

 

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *