7 regole per affrontare le festività in forma

I consigli per superare pranzi e cenoni di Natale e Capodanno senza perdere la linea e senza troppe rinunce

cenone

Durante le feste sono tante le tentazioni che metteranno a rischio il nostro peso, ma ecco 7 semplici regole da seguire prima di affrontare il periodo di festività tra i vari pasti e festeggiamenti e mantenersi in linea.

1. Fare sempre una sana colazione. Al mattino è importante fare colazione con alimenti come yogurt magro o latte parzialmente scremato con biscotti secchi, pane tostato o cereali.

2. Non saltare i pasti. È importante che le calorie assunte nell’arco della giornata siano suddivise nei tre pasti principali (colazione, pranzo, cena) e due spuntini (uno a metà mattina e l’altro a metà pomeriggio). I pasti principali, quindi colazione, pranzo e cena devono essere equilibrati, ad esempio: primo piatto+secondo piatto+verdure cotte crude o alla griglia+piccolo panino. Per saziarsi più velocemente è importante masticare bene e lentamente. Durante i pasti utilizzate come bevanda l’acqua e riducete il consumo degli alcolici nelle occasioni dei festeggiamenti.

3. Mangiare frutta e verdura ogni giorno. La frutta e la verdura sono cibi che contengono un alto contenuto di sali minerali, vitamine e antiossidanti. Inoltre contengono una buona quantità di fibra che aiuta il funzionamento dell’intestino. La verdura si può consumare in una buona quantità, mentre fate attenzione a non esagerare con la frutta, perché è ricca di zuccheri semplici: non superare i 2-3 frutti al giorno. La frutta può essere utilizzata come spuntino di metà mattina e metà pomeriggio.

dieta Natale

4. Utilizzare poco sale. Fare attenzione nell’utilizzo del sale, preferire l’utilizzo di spezie ed erbe aromatiche per dare sapore alle preparazioni.

5. In previsione dell’aperitivo, pranzo o cena di Natale e Capodanno con parenti e amici, cercare di fare attenzione ai pasti precedenti o successivi consumando un pasto leggero magari a base di minestre, vellutate o zuppe di legumi che sono considerati piatti unici, hanno un buon potere saziante e possiedono poche calorie.

6. Fare attenzione all’utilizzo dei grassi. Evitare uso di salse e maionese, utilizzare per condire a crudo solo olio extravergine d’oliva. Come secondi piatti preferire i formaggi e i salumi e tra questi scegliere quelli più magri. Consumare formaggi magri, come formaggi freschi, non più di 3 volte alla settimana, mentre i salumi magri, prosciutto cotto, prosciutto crudo, bresaola, tacchino e speck, non più di 1 volta alla settimana. Fare un soffritto light utilizzando, invece dell’olio, del brodo vegetale o il vino bianco o rosso perché l’alcool con la cottura evapora.

7. Fare sport. Nell’arco della giornata trovare 30-45 minuti per svolgere attività fisica come camminata, bicicletta o nuoto.

Falsi miti

Attorno alle diete e alle tecniche per perdere ci sono tanti falsi miti. Molti, per esempio, pensano che i carboidrati e il cioccolato siano il male assoluto e che sia bene incrementare l’assunzione di proteine, che la frutta secca sia solo un inutile accumulo di calorie ma non è così. Attenzione a eliminare completamente alimenti dalla vostra dieta, fatevi sempre consigliare da un esperto e ragionate prima di seguire le mode che girano anche in questo campo. A questo proposito potrebbero interessarvi due libri: Non è vero ma credici! del ricercatore Gianluca Tognon e The Plan, L’anti-dieta per perdere peso mangiando i cibi giusti per te di Lyn-Genet Recitas, in libreria per Feltrinelli dall’8 gennaio 2014. Entrambi cercando di sfatare i miti sui cibi ritenuti dietetici o meno e, in particolare il secondo, sottolinea la soggettività dei trattamenti, non in base al gruppo sanguigno ma all’individuale reazione rispetto a uno stesso alimento. Probabilmente ognuna di noi ha potuto notare gli effetti di questa teoria: non vi è mai capitato di conoscere una persona che ha fatto una certa dieta ed è dimagrita e voi invece, con le stesse indicazioni, non riuscite a perdere nemmeno un etto?


Vedi altri articoli su: Dieta |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *