10 cibi che nutrono il cervello: ecco quali scegliere

Una macchina perfetta ed incredibile: è il nostro cervello, un bene prezioso da custodire e salvaguardare con cura. Noi vi spieghiamo come.

  • Spinaci
  • Uova
  • Olive
  • Nocciole
  • Il nocciolo in botanica
  • Una tazza di té
  • La pianta del té in botanica
  • Cavolo
  • Sardine
  • La pianta del cacao
  • Mirtilli
  • Il mirtillo in botanica

Dovete risolvere un problema semplice o complesso che sia? Ci pensa il cervello. Dovete sollevare un peso o stare in equilibrio su un piede solo? Anche a questo pensa il cervello. Vi serve un surplus di concentrazione o cercate un momento di perfetto relax? Il “target” del vostro agire è, ancora una volta, il cervello. Insomma, il cervello è la vera centrale operativa del nostro corpo, è lui che elabora tutte le informazioni, interne od esterne all’organismo, e che provoca reazioni,  movimenti, pensieri, emozioni, funzionalità, capacità, competenze, talenti. Insomma, il cervello è un vero “mistero biologico” e, in pratica, un tesoro incommensurabile che dobbiamo curare con assoluta attenzione. A cominciare con la scelta di alimenti che ne aiutino le funzionalità, sostengano la salute e ne rallentino l’invecchiamento. Quali? Eccone alcuni…

Dieta bilanciata ed omega 3

Due premesse sono doverose affrontando lo spinoso tema degli alimenti che, detto semplificando, “fanno bene al cervello”: la prima consiste nel fato inoppugnabile che non si possa affidare la salute del cervello – così legata a quella del resto dell’organismo – a questo o a quell’alimento. E’ infatti l’intera alimentazione che deve essere equilibrata e bilanciata, assicurando al corpo – cervello in testa – tutto il mix di sostanze nutritive di cui ha bisogno, nessuna esclusa. La seconda premessa riguarda il fatto che, al di là del singolo alimento, elemento fondamentale per la salute del cervello sono gli “acidi grassi sani” che sono in genere conosciuti come Omega 3 e che, dal momento che la struttura del cervello è composta per quasi due terzi da grassi, giocano un importantissimo ruolo per la salute e la funzionalità del sistema nervoso centrale e per la prevenzione di infiammazioni. Per cui tutti gli alimenti che ne sono ricchi, dall’arcinoto pesce azzurro a molti semi oleosi, dal salmone selvatico alle noci, costituiscono gli elementi fondamentali di una dieta pro-cervello.

La top ten degli alimenti pro-cervello

Fatte le doverose premesse, possiamo ora lanciarci nell’individuare la top-ten degli alimenti pro-cervello. Cominciamo con  gli spinaci, le cui proprietà benefiche non sono soltanto una diceria da cartone animato ma, anzi, assolutamente reali: grazie alla vitamina K e ai sali minerali, gli spinaci sono efficacissimi per la protezioni delle cellule nervose e per il rallentamento del loro invecchiamento. Al secondo posto ecco i mirtilli, ricchissimi come pochi altri alimenti di particolari sostanze dette proantocianidine, proprietarie di notevoli effetti protettivi ed antitossici e capaci di limitare i pericolosi radicali liberi. Anche l’uva ha, come la saggezza popolare anticipa, notevoli proprietà pro-cervello, in particolare legate al resveratrolo, un antiossidante importantissimo nella prevenzione di malattie degenerative come l’Alzheimer. Anche il cavolo, come l’uva, è ricco di elementi antiossidanti che hanno una azione benefica nella protezione delle cellule cerebrali mentre per la memoria possono essere utili nientemeno che le uova, che contengono una sostanza detta colina che sembra avere la capacità di “rafforzare” l’attività dei neuroni. La presenza abbondante di omega 3 rende immancabile in questa speciale classifica l’olio di oliva – ricco anche di utilissima vitamina E – e le sardine, in rappresentanza del pesce che, come dicevano le nonne, “rende intelligenti”. Stessa cosa vale per le nocciole, che hanno anche un ruolo nell’apporto di vitamina B6, mentre il cacao può prevenire i danni vascolari al cervello. Ed infine, last but not least, chiudiamo con il , in particolare quello verde, conosciuto da millenni, ad esempio in Cina, anche per le sue proprietà curative e terapeutiche: in particolare, oltre a possedere i consueti antiossidanti, questa bevanda è ricca di una sostanza detta catechina, capace di favorire la rigenerazione dei neuroni specialmente nelle zone del cervello deputate al deposito della memoria.

 

Photo Credit: Nicola Quirico, Pimpinellus, Daniel Ventura, David Wilmot


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *