Ringiovanire senza bisturi come funziona il manual lifting

Ringiovanire senza bisturi: come funziona il manual lifting

Il segreto di bellezza del momento si chiama manual lifting ed è un trattamento viso (manuale) che promette di cancellare rughe e segni del tempo. Molte le star che già non ne possono più fare a meno. Scopriamo di cosa si tratta

Un massaggio al mese per fermare i segni del tempo e rallentare l’invecchiamento di 10 anni. È questa la promessa di Alessandra Ricchizzi, inventrice del Manual Lifting, a chi si affida alla sua esperienza e alla sua tecnica per la cura e la bellezza del viso.

Non è un caso del resto se tra le sue clienti ci sono star internazionali del calibro di Jennifer Aniston e il designer di scarpe nonché modello Brian Atwood, così come l’imprenditrice digitale Chiara Ferragni, celeb e influencer quali Belen Rodriguez, Afef e Chiara Biasi. Tutte donne e uomini che possono vantare un incarnato da primo piano, indipendentemente dalla loro età e predisposizione genetica.

Cos’è il Manual Lifting

Il Manual Lifting studiato, brevettato e messo a punto da Alessandra agisce sulla muscolatura interna ed esterna del viso. Risollevando gli zigomi, consente di ottenere un lifting naturale e indolore senza l’ausilio di bisturi o punturine né di sostanze chimiche. Un distensivo massaggio manuale, insomma, coadiuvato da un beauty roller che ha la forma di due pollici e lavora in profondità sulla muscolatura, contribuendo a drenare i tessuti e a tonificare.

Il trattamento si conclude con un massaggio posturale mandibolare che si realizza all’interno della bocca e che risolleva immediatamente l’ovale. Durante il massaggio viene utilizzato solo il MyevoskinTropical by Alessandra Ricchizzi. Naturale al 100%, questo olio è prodotto seguendo dal Laboratorio Ahura per Myevooskin. Un trattamento intensivo rigenerante per viso, collo e decolletè a base di olio extravergine di oliva, olio di avocado, olio di noce macadamia e olio di semi di canapa a cui Alessandra ha voluto aggiungere l’Elicriso, dalle proprietà astringenti e lenitive. Per permettere ai principi attivi contenuti nell’olio di continuare a penetrare in profondità dopo il trattamento bisogna avere l’accortezza di non lavare la pelle per 24 ore. L’effetto del Manual Lifting dura fino a un mese.

MyevoskinTropical

«In altre parole, alleno la pelle, come se facesse un workout, tonificandola sia dall’esterno, sia dall’interno», spiega Alessandra Ricchizzi. «I gesti sono piuttosto energici: ho preso spunto dalla tradizione coreana. Inizio con il rilassamento del diaframma per migliorare l’ossigenazione dei tessuti, poi proseguo con una serie di pressioni e ‘pizzicotti’ dal basso verso l’alto, che agiscono direttamente sui muscoli».

Il momento clou del lifting manuale è lo sblocco della bolla di Bichat, che non di rado è responsabile di gonfiori e ristagni di liquidi.

La bolla di Bichat si trova ai lati della bocca e la beauty guru esegue questa manovra, indolore, dall’interno. Lo scopo? Risollevarla manualmente e fare in modo che la linea tra lo zigomo e la mandibola rimanga più delineata e il viso si affini. Non solo: anche gli occhi si allungano e le sopracciglia si alzano.

Chi è Alessandra Ricchizzi

Estetista diplomata sia in Italia sia in Svizzera Francese, Alessandra Ricchizzi ha aperto il suo primo studio/negozio, ubicato in zona Navigli a Milano e tutt’ora aperto, all’età di 19 anni, per poi aprirne un secondo poco dopo. Fin dall’inizio della sua carriera ha avuto come desiderio quello di creare una propria linea, tanto da collaborare con un biologo per la messa a punto di prodotti a proprio nome già ai tempi dei suoi studi presso il LaboratoireSintyl di Ginevra.

Dopo aver chiuso il secondo negozio e il laboratorio interno, Alessandra ha cominciato a lavorare con studi medici ed attualmente collabora con il Dottor Iera – con il quale ha in programma di creare una propria linea cosmetica – presso l’Istituto Clinico Brera a Milano, dove effettua il suo trattamento.

La svolta nella sua vita professionale risale ai tempi in cui lavorava come personal facialist di Katherine Mondadori. È in quegli anni che incontra la facialist di Angelina Jolie ed è proprio tramite la collega che impara – tra le altre cose – l’arte della derma planning, una lama dermica che serve ad esfoliare i tessuti in maniera tale che qualunque prodotto applicato successivamente entri più in profondità. Una tecnica che in Italia viene utilizzata solo da Alessandra.

Nonostante sia ormai celebre e contesissima, Alessandra Ricchizzi non smette di studiare, di osservare con umiltà i colleghi, di viaggiare alla ricerca di nuovi spunti che la arricchiscano professionalmente.

Alessandra Ricchizzi ©Wayne Moser

Ginnastica facciale

Per completare gli effetti benefici del Manual Lifting, la professionista consiglia di abbinare degli esercizi di ginnastica facciale da fare a casa così da sollevare gli zigomi, rilassare i muscoli e mantenere l’ovale del viso.

E che questa pratica aiuti ad avere un viso più tonico lo conferma anche uno studio pubblicato su Jama Dermatology. Gli scienziati dichiarano che dopo 20 settimane di ginnastica, le guance appaiono più piene e sostenute e il viso ringiovanisce di circa tre anni.

Ci sono ben oltre 70 muscoli nel viso. Mantenerli allenati è il modo migliore per contrastare l’invecchiamento cutaneo, stimolare la micro circolazione, aumentare la produzione di collagene ed elastina e ritrovare una pelle luminosa.

Non bisogna aspettare di avere le rughe per iniziare a praticare la ginnastica facciale e neanche per provare il Manual Lifting. Del resto prevenire è meglio che curare, meglio quindi iniziare da giovani per prevenire le rughe e preservare il capitale di giovinezza e bellezza.

Dai 20 anni in su, la ginnastica facciale aiuta a ritardare l’apparizione delle prime rughe, a 30 anni, quando i muscoli facciali cominciano a cedere, è utile per rallentare il processo, ma anche a 50, 60, 70 anni…. Non è mai troppo tardi per iniziare a prendersi cura della propria pelle. In ogni caso, per vedere dei risultati, è necessario essere costanti e pazienti.

©Pixabay

5 esercizi di ginnastica facciale da iniziare a fare subito

Sono diversi gli esercizi di ginnastica facciale che potete iniziare a fare a seconda della zona del viso che volete rassodare e tonificare. Alcuni ve li suggeriamo noi.

Per ridurre le zampe di gallina

Le zampe di gallina intorno agli occhi sono una delle preoccupazioni estetiche che più affligge le donne: si tratta di rughe che si formano nel contorno occhi dove lo strato di pelle è più sottile e delicato.

Per correre ai ripari chiudete gli occhi e portate le dita agli angoli esterni tirando le palpebre verso le tempie (come a voler mimare degli occhi a mandorla). Provate ora ad aprire gli occhi forzando il più possibile e tenete la posizione per 20 secondi. Da ripetere 10 volte.

Per risollevare le palpebre cadenti

Proprio perché la causa principale delle palpebre cadenti è la perdita della tonicità muscolare, può essere molto utile ricorrere ad alcuni esercizi di ginnastica facciale.

Alzate con forza per 20 secondi le sopracciglia senza aggrottare la fronte. Cercate di portarle il più in alto possibile e ogni volta tornate alla posizione di partenza. Fate una pausa e ripetete lo stesso movimento per 10 volte.

Per un contorno labbra senza codice a barre

La zona intorno alle labbra è spesso soggetta a un precoce invecchiamento cutaneo, dovuto al fumo, sbalzi del peso, problemi di salute o cattive abitudini. Questi esercizi aiutano a far lavorare i muscoli della bocca, prevenendo antiestetiche striature (il cosiddetto codice a barre) intorno alle labbra e attenuando quelle esistenti.

Raggrinzate le labbra e spingetele in avanti come se voleste dare un bacio grande a una persona. Poi mantenete questa posa per 5 secondi, rilassate la bocca e appoggiate le dita contro le labbra opponendo leggermente la resistenza e provate a sorridere. Ripetete tutto il ciclo 10 volte.

Per combattere il doppio mento

Il doppio mento e la pelle rilassata del collo sono alcuni dei problemi più grandi che incidono sulla bellezza del viso, invecchiando la persona. Per ridurre il doppio mento il seguente esercizio si è dimostrato molto efficace.

Mantenendo ferma la testa spingete in giù gli angoli della bocca. Sentite la tensione dei muscoli del mento e del collo per 5 secondi. Rilassate la bocca e ripetete il ciclo 10 volte.

Per tonificare il collo

Gli esercizi per il collo sono molto importanti. Uno consiste nello stirare il collo all’indietro e nel riportarlo poi alla sua sede naturale per una decina di volte. Un altro, per rassodare i muscoli della zona, consiste nel piegare a fondo la testa a destra e a sinistra, almeno dieci volte per ogni lato. Un terzo si fa appoggiando i polpastrelli di entrambe le mani sul mento. Poi si fanno scivolare lentamente in direzione degli zigomi e delle orecchie, per almeno quindici volte.

Per fare tutti e 5 gli esercizi ci vogliono solo 10 – 15 minuti. Tuttavia, per ottenere i risultati visibili, bisogna farli quotidianamente per un minimo di due mesi.



Ceretta a caldo o ceretta a freddo Differenze, pro e contro
Skincare

Ceretta a caldo o ceretta a freddo? Differenze, pro e contro

Acido ialuronico e filler si possono fare d’estate
Skincare

Acido ialuronico e filler: si possono fare d’estate?

Skincare

Solari light touch per un effetto pelle nuda

Skincare routine ideale per la pelle grassa
Skincare

Skincare routine ideale per la pelle grassa

Rimedi naturali per un viso perfetto
Skincare

Rimedi naturali per un viso perfetto

Cbd oil i benefici per la bellezza
Skincare

Cbd oil: i benefici per la bellezza

Crema solare protezione 50 cosa significa
Skincare

Crema solare protezione 50: cosa significa

Maschera viso idratante fai da te
Skincare

Maschera viso idratante fai da te

Skincare

Solari light touch per un effetto pelle nuda

Non appiccicano, non lasciano residui ma proteggono e idratano la pelle. Sono i nuovi solari light touch, leggeri e impalpabili.

Leggi di più