Yogurt fatto in casa

Magro, cremoso, nella variante di soya: fa bene e ci piace. Per questo abbiamo scoperto la sua storia e i suggerimenti per prepararlo in casa

yogurt

Buono, fresco, salutare e dalle origini antiche e un po’ misteriose, lo yogurt è un alimento adatto anche per chi soffra di intolleranza al lattosio. La produzione artigianale è ovviamente la migliore, e può essere una buona occasione, oltre che per consumarlo in vasetto come colazione o merenda, anche per provare a sperimentarlo in qualche dolce o in qualche sfiziosa salsina, magari al posto della panna, più grassa e meno digeribile. Siete vegane? Nessuna scusa, provate a fare lo yogurt di soia!

Ingredienti:

Yogurt: di latte o di soia? Proviamoli entrambi!
Yogurt: di latte o di soia? Proviamoli entrambi!
per ottenere yogurt magro:

  • 1 litro di latte parzialmente scremato
  • fermenti liofilizzati o 6 cucchiaini di yogurt magro

per ottenere yogurt cremoso:

  • 1 litro di latte intero
  • fermenti liofilizzati o 6 cucchiaini di yogurt intero

per ottenere yogurt di soia:

  • 1 litro di latte di soia
  • 6 cucchiaini di yogurt di soia

Procedimento

Mettiamo il latte in un pentolino antiaderente, e facciamolo bollire. Fuoco basso e temperatura – da misurare con un termometro per alimenti – tra i 37 e i 39 gradi, in ogni caso sotto i 40 per evitare di uccidere i fermenti; eliminiamo la patina che si formerà in superficie.

A questo punto in un barattolo sterilizzato mettiamo i fermenti liofilizzati o i 6 cucchiaini di yogurt a temperatura ambiente, versiamo qualche cucchiaio del latte che abbiamo fatto bollire e mescoliamo; poi pian piano versiamo tutto il latte e amalgamiamo per togliere gli eventuali grumi. Sigilliamo il barattolo e mettiamolo a riposare al caldo.

Il nostro yogurt dovrà stare a una temperatura compresa tra i 37 e i 40 gradi per fermentare: un thermos capiente o un forno appena tiepido sono ottime soluzioni, ancora meglio se avvolgiamo il barattolo in una coperta.

Attendiamo da sei a dodici ore, a seconda del latte impiegato e del grado di cremosità desiderato, senza muovere o aprire il contenitore, per poi setacciare con un colino in caso ci siano grumi e dividere in vasetti. Mettiamoli in frigo: una mezz’oretta e potremo gustarlo!

Conservazione

Il nostro yogurt si conserverà benissimo in frigorifero, se ben chiuso, per 3 o 4 giorni. Per gli yogurt successivi potremo usare qualche cucchiaino del nostro yogurt artigianale e seguire di nuovo il procedimento.

Yogurt per tutti i gusti

yogurt con fragole
yogurt con fragole fresche

Come preferiamo lo yogurt? La nostra splendida preparazione artigianale sarà già ottima al naturale, ma possiamo zuccherarla, o metterci pezzettini di frutta fresca o marmellata. Oppure caffè, o ancora per i più golosi scagliette di cioccolato, o miele e frutta secca; possiamo aromatizzarlo con cannella, vaniglia o altre spezie ancora… insomma, siamo diventate produttrici artigianali di yogurt, abbiamo tutto il diritto di sbizzarrirci!

Una storia antichissima

Yogurt: origini antichissime...
Yogurt: origini antichissime...
“Yogurt” deriva dal turco yoğurt, dal verbo turco yoğurtmak: mescolare. Le origini dello yogurt sono molto antiche e misteriose, e forse la sua creazione fu del tutto casuale, con latte lasciato in otri e venuto a contatto col calore – probabilmente a opera di popolazioni turche. Diffusosi poi presso fenici, romani, egizi e greci, e in Oriente, fino in India: ne parlano anche Le mille e una notte, acquisì fama come alimento dai mille benefici: contro insonnia e tubercolosi e altri mali. Una vera panacea. Insomma, prepararlo con le nostre mani nella nostra cucina è un po’ anche rivivere questa storia millenaria.


Vedi altri articoli su: Consigli di cucina | Fatto In Casa |

Commenti

  • ronzoni ercolina

    se non ho il termometro x alimenti cosa si può usare grazie

  • Manuela Di Paola

    prova la temperatura del latte con un dito, per qualche secondo: deve essere tiepido, ma non caldo :)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *