Patate bollite

Un contorno sfizioso o un ingrediente base per avere ogni giorno in una ricetta diversa, come le patate al cartoccio o ripiene con formaggio.

Patate bollite
Patate bollite.

Le patate bollite sono da sempre un classico contorno della cucina italiana. Semplici da preparare, veloci e sempre gradite da tutti. Si possono preparare in tantissimi modi, noi qui abbiamo voluto provarle condendole con un’emulsione delicata a base di aglio, prezzemolo, olio extravergine, sale e pepe.
Sono perfette per accompagnare la carne come l’arrosto ma anche il pesce, sia bollito che grigliato (a esempio il pesce spada) e si possono mangiare sia d’estate che d’inverno, calde e fragranti, oppure fredde, magari nella versione fagiolini e patate, da portare in spiaggia oppure al lavoro.

Purè

Ciò che rende speciali le patate bollite è il fatto che sono un ottimo ingrediente per preparare tantissimi piatti diversi. Dopo aver cotto le patate infatti potrai prepararle in centinaia di modi diversi. Facendole bollire un po’ di più, puoi usarle per cucinare un ottimo purè, ma anche le patate duchessa, l’ideale se hai una cena importante, il gateau o delle sfiziose crocchette.
Se invece hai poco tempo e vuoi preparare una ricetta deliziosa in pochi minuti puoi optare per un’insalata di patate da servire in tante versioni diverse. Quando fai le patate bollite poi ricordati sempre di metterne nella pentola qualcuna in più, nei giorni successivi infatti potrai usare quelle rimaste per cucinare nuove ricette, come le patate in padella o le patate al forno, ma anche la frittata di patate, un piatto economico e buonissimo.

Pentola a pressione

Puoi anche cuocere le patate nella pentola a pressione, per una cottura veloce e light. In questo caso per dare sapore alle patate aggiungi anche qualche salsiccia e fai cuocere tutto insieme. In questo modo le patate si insaporiranno, mentre le salsicce saranno magre e sgrassate. Un modo semplice per preparare una cena completa senza pensieri!

Tempo di cottura

Ricorda sempre però che il tempo di cottura delle patate solitamente varia a seconda della grandezza dei tuberi, dunque prima di scolarle, assicurati che siano cotte infilzandole con una forchetta. Solitamente per le patate più piccole ci vogliono solo 15 minuti, mentre quelle grosse ne richiedono almeno 30. Un trucco per accelerare i tempi è tagliarle a tocchetti di uguale dimensione.

Valori nutrizionali

Bollire le patate è il modo migliore per mangiarle e renderle ottime dal punto di vista dei valori nutrizionali. Questa cottura infatti le rende molto più digeribili e permette di ridurre della metà il quantitativo di solanina, una sostanza nociva che si trova nei tuberi.

  • Resa: 2 Persone servite
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 30 minuti

Ingredienti

  • 500 grammi patate
  • 1 spicchio aglio
  • prezzemolo
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale e pepe

Preparazione

  1. Per prima cosa lavate bene le patate, poi mettetele in una pentola piena d’acqua con un cucchiaio di sale grosso e fate cuocere con il coperchio per 30 minuti circa.
  2. Quando saranno pronte scolatele e riponetele in una ciotola, passatele sotto l’acqua fredda per farle freddare e sbucciatele.
  3. A parte sbucciate lo spicchio d’aglio, eliminate l’anima interna e tritatelo finemente insieme con il prezzemolo.
  4. Mettete l’aglio e il prezzemolo tritati in una ciotolina e condite con sale, pepe e olio extravergine d’oliva.
  5. Tagliate le patate a tocchetti grandi, poi versatele in una ciotola e conditele con l’emulsione che avete preparato.


Vedi altri articoli su: Cosa Cucino Stasera | Ho fame | Ricette Contorni | Ricette senza glutine | Ricette vegane | Ricette vegetariane |

Commenti

  • Lucia

    Stupendo questo articolo mi ha aiutata molto per il pranzo della domenica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *