Come pulire e cuocere le cime di rapa

Gustose e piccantine, danno un gusto unico a ogni piatto. Scopriamo come pulirle e cuocerle nel modo giusto per preparare ricette da veri chef.

Cime di rapa in padella
Cime di rapa in padella.

Le cime di rapa sono una verdura dal sapore molto particolare, leggermente piccante e con un retrogusto amarognolo. Vanno consumate cotte e necessitano, prima di essere cucinate, di una pulizia. Sono un ortaggio caratteristico di alcune zone dell’Italia, in particolare della Puglia, ma vengono coltivate anche in Campania e nel Lazio.

Delle cime di rapa si possono consumare sia le foglie e che l’infiorescenza custodita all’interno dell’ortaggio e spesso vengono confuse con i famosi friarielli campani. Queste verdure non sono solo buone, ma anche sane. Contengono infatti calcio, fosforo, ferro e vitamina A, C e B2, che la rendono un disintossicante naturale per depurare l’organismo e liberarlo dalle tossine.

Ricette

Questo versatile ortaggio è protagonista di molte ricette, prima su tutte quella delle Orecchiette con Cima di Rapa, un gustoso primo piatto tipico del Sud Italia, ma gustato in tutta la Penisola. Se amate le torte salate, non potete perdervi la Torta Salata con Cime di Rapa, con ripieno di morbida ricotta e uno sprint in più dato dal peperoncino in polvere; se invece volete gustare questa verdura in un piatto light, le Cime di Rapa alla Stufata fanno al caso vostro – un saporito contorno da accompagnare ai vostri secondi piatti.

Pulizia

Affinchè i tuoi piatti siano gustosi e irresistibili dovrai acquistare le cime di rapa quando sono pronte per essere mangiate. Come riconoscerle? Hanno steli sodi e sottili, infiorescenze chiuse e senza parti gialle. Perché siano perfette le foglie dovranno essere consistenti e di un colore verde brillante.

Le parti commestibili sono le cimette, i fiori e le foglie tenere, che dovranno essere belle verdi. Per pulire le cime di rapa elimina prima di tutto i gambi duri e le foglie più spesse e grandi. Seleziona le cimette e le foglie, scartando quelle più vecchie lasciando solo quelle tenere. Metti poi il tutto in uno scola pasta e posizionalo sotto l’acqua fredda corrente, sciacquando e pulendo bene le cime di rapa con le mani in modo da eliminare i residui di terra.

Cottura

Cestello per cottura a vapore
Cestello per cottura a vapore.
Una volta pulite le cime di rapa si possono cuocere in diversi modi. Il metodo più utilizzato è la bollitura: le foglie, le cimette e i fiori vengono immersi in una pentola piena d’acqua salata e fatti cuocere per un massimo di dieci minuti. Alcuni invece preferiscono cuocerle a vapore, usando un cestello di paglia oppure di alluminio, poggiato su una pentola con dell’acqua che bolle, per 15 minuti circa. Se le infiorescenze e le foglie sono particolarmente tenere non è necessaria una cottura molto lunga, ma basta si possono far saltare le cime di rapa in padella per dieci minuti, salando alla fine. Infine questa verdura è ottima anche soffritta. Basta far scaldare in una padella un po’ di olio, aglio e peperoncino e aggiungere le cime di rapa facendole andare per 8 minuti.

Lessare

Esistono tantissimi modi per mangiare e cucinare le cime di rapa, ma se sono davvero buone, si possono semplicemente lessare e mangiare, così come sono, senza condimenti. In alternativa puoi scottarle nell’acqua bollente e poi condirle con un po’ di olio e limone.


Vedi altri articoli su: Consigli di cucina |

Commenti

  • Ciaffrone

    Maronna Santa che buona istu addur sta pietanza sta assai livata nell’uso cuore mio.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *