New York Fashion Week FW 2018: tra provocazione ed eleganza

Dallo stile provocatorio di Tom Ford, alle suggestioni boho di Tory Burch, fino all'eleganza di Victoria Beckham, la NYFW FW 2018 è entrata nel vivo.

Tre modelli di Jeremy Scott, Tom Ford e Victoria Beckam alla NYFW FW 2018.
Tre modelli di Jeremy Scott, Tom Ford e Victoria Beckam alla NYFW FW 2018.
  • Tre modelli di Jeremy Scott, Tom Ford e Victoria Beckam alla NYFW FW 2018.
  • NYFW FW 2018: cappotto con maxi revers a lancia  by Tom Ford.
  • NYFW FW 2018: completo animalier nei toni acidi del verde by Tom Ford.
  • NYFW FW 2018: abito con fantasia astratta multicolor by Tom Ford.
  • NYFW FW 2018: tuta nera anni '80 by Tom Ford.
  • NYFW FW 2018: abito rosa in stile Il Quinto Elemento by Jeremy Scott.
  • NYFW FW 2018: reggiseno a vista by Jeremy Scott.
  • NYFW FW 2018: maxi jeans con giacca in PVC by Jeremy Scott.
  • NYFW FW 2018: dettaglio dei maxi moon boot by Jeremy Scott.
  • NYFW FW 2018: abito natural style ispirato a Lee Radziwill by Tory Burch.
  • NYFW FW 2018: borsa bianca con foulard floreale by Tory Burch.
  • NYFW FW 2018: calzature  a punta accollate by Tory Burch.
  • NYFW FW 2018: abito nero Matrix style by Alexander Wang.
  • NYFW FW 2018: leggings in tessuto high tech by Alexander Wang.
  • NYFW FW 2018: cappotto maxi con cintura by Victoria Beckham.
  • NYFW FW 2018: maxi felpa con cappuccio by Victoria Beckham.
  • NYFW FW 2018: abito fasciante by Victoria Beckham.
  • NYFW FW 2018: dettagli delle gonne e delle scarpe della collezione by Victoria Beckham.

Il lungo mese dedicato alla moda donna autunno-inverno 2018 è iniziato e come da tradizione ad aprire le danze è la New York Fashion Week. Dall’8 al 16 febbraio, nella Grande Mela sono attese alcune delle più prestigiose firme e maison internazionali e il calendario fitto di eventi sembra fatto apposta per smentire le voci che vorrebbero la kermesse statunitense avviata tristemente sul viale del tramonto. Tuttavia, di defezioni ce ne sono state e (purtroppo) ancora ce ne saranno. Lo scorso anno, hanno salutato 5 brand – Proenza Schouler, Rodarte, Altuzzarra, Lacoste e Rag and Bone –  e il prossimo mancheranno Alexander Wang e Victoria Beckham (che sfilerà nella sua città d’origine, ovvero Londra, per festeggiare 10 anni di attività nel mondo della moda).

Ma se sulla prossima edizione della NYFW grava l’incertezza, per quella in corso una cosa è sicura: la voglia di stupire e lasciare il segno non manca.

Tom Ford

Colori accesi, lustrini, paillettes e animalier. Tom Ford non ha mezze misure per la stagione FW 2018, ma a differenza di quello che potrebbe sembrare, la sua donna non è volgare e non è urlata. Piuttosto, gioca in maniera maliziosa con la sensualità e fa sfoggio di uno stile tanto eccentrico quanto elegante.

Proprio come le giacche e i cappotti con grandi revers a lancia che mescolano le atmosfere della city a quelle della disco, i leggings cangianti e i pantaloni ultra aderenti, i mini dress incrostati di pietre luccicanti che disegnano motivi astratti e coloratissimi e le felpe di alta moda con la scritta Tom Ford of Beverly Hills. Dichiarato omaggio a Giorgio Beverly Hills, ovvero la prima boutique della Rodeo Drive, indiscusso tempio dello stile e del lusso sulle colline di Hollywood.

Jeremy Scott

Le atmosfere sci-fi de Il quinto elemento di Luc Besson, la tenerezza sgargiante dei peluches anni ’80 noti come Popples e l’erotismo di Cicciolina, la celebre pornostar ungherese naturalizzata italiana, sono l’ispirazione e il fil rouge della collezione FW 2018 firmata dall’enfant terrible della moda, Jeremy Scott.

La donna dello stilista originario di Kansas City è allo stesso tempo “seduttrice, graziosa e da coccolare” e indossa completi di ciniglia giacca-pantalone e giacca-gonna a metà tra tuta e tailleur, micro short, crop top, giacche in latex e mantelle in PVC colorato, vestiti lunghi e corti, reggiseni a vista e incredibili maxi moon boot.

Tory Burch

Per la sua collezione autunno-inverno 2018, Tory Burch ha scelto lo stile iconico della socialite Lee Radziwill, al secolo Caroline Bouvier oltre che sorella minore di Jacqueline Kennedy Onassis.

Il risultato sono una serie di capi romantici con un tocco boho, che danno forma ad uno stile forte e leggero, in cui grandi stampe floreali e naturali si mescolano a balze e ruches, poetici vestiti bianchi si contrappongono a jeans e pragmatici giubbotti garçonne e comodi parka si alternano a gonne e abiti fluidi che disegnano le forme e comunicano una sensazione di eleganza e libertà.

Alexander Wang

Dominatrice, guerriera, punk, ma anche sensuale, contemporanea e all’occorrenza sportiva.

La donna di Alexander Wang è originale e profondamente moderna, ma nei capi mandati in passerella dallo stilista è possibile scorgere rimandi a capisaldi di grandi maestri della moda come Chanel e Armani e allo stile della saga di Matrix.

I colori prevalenti sono bianco e nero, con improvvise pennellata di fucsia, zip, borchie e catene, trasparenze e tessuti cangianti che disegnano giochi di luce, interrompono l’uniformità e creano movimento. Molta pelle e pelliccia, insieme a materiali high tech, contribuiscono a creare uno stile alternativo, aggressivo e proiettato verso il futuro che è indiscutibilmente seducente, pieno di fascino e di grande impatto visivo, ma che non ha nella quotidianità il suo punto di forza.

Victoria Beckham

Quando ha fatto il suo ingresso nel mondo della moda, 10 anni fa, in molti credevano che Victoria Beckham sarebbe stata poco più che una meteora. Invece, l’ex Spice Girls ha mostrato di avere talento da vendere e stagione dopo stagione è cresciuta fino a diventare un riferimento fashion al pari (o quasi) di Phoebe Philo e Céline.

Il segreto del successo di Victoria sta nel sapere leggere e interpretare le esigenze delle donne come lei, con una vita spesa sotto ai riflettori degli impegni pubblici (il lavoro, la famiglia e gli amici) e la necessità e il desiderio di uno stile elegante, ma anche comodo e trasversale. Presupposti che nella collezione FW 2018 prendono forma in voluttuosi cappotti con cinture che segnano il punto vita, giacche strutturate e aderenti, maxi felpe, lunghe gonne in seta a pieghe dal taglio asimmetrico, jumpsuit e vestiti che disegnano con garbo la silhouette, abiti e giacche dal piglio vagamente militare e maglioni, cardigan e camicie che mescolano femminilità e pragmatismo.


Vedi altri articoli su: Abbigliamento | Collezioni | Fashion Weeks | New York Fashion Week | Sfilate | Trend |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *