Organizzazione del matrimonio: 5 errori frequenti

State organizzando il vostro matrimonio e avete la sensazione di dimenticare qualcosa... ecco 5 errori che non si devono mai commettere!

Organizzare il matrimonio: cosa non fare.
Organizzare il matrimonio: cosa non fare.

Quando si organizza il proprio matrimonio si vuole a tutti i costi organizzare qualcosa di speciale, questo però non vuol dire esagerare negli allestimenti o sforare il budget… ma dare forma a qualcosa di unico, personale ed emozionante.

Durante questa fase è molto facile farsi prendere la mano e lasciarsi scappare dettagli non solo importanti, ma decisamente indispensabili per la buona riuscita dell’evento.

1. Aperitivo

Location
Location.
La struttura del ricevimento è generalmente scandita da tre momenti principali: aperitivo, pranzo e taglio della torta. L’aperitivo è forse il momento in cui gli invitati capiscono lo stile e il mood del matrimonio.

Si arriva in Location verso le 13.00, se le nozze sono di giorno, o verso le 19.00 se la cerimonia è pomeridiana.

All’arrivo degli invitati parte la musica, e all’ingresso degli sposi si apre il banchetto. Uno degli errori più comuni è pensare che l’aperitivo si debba svolgere esclusivamente in piedi, pertanto non si prevedono sedute e neanche, cosa ancora più grave, ombrelloni che riparano dal sole estivo.

Si può cadere poi nell’errore contrario, ovvero prevedere il 100% di sedute e quindi proporre una aperitivo pranzo. Come in tutte le cose la strada giusta sta nel mezzo. Il numero di sedute corretto è circa 30/40% del totale. È possibile poi integrarli con salottini, cuscini, tavolini da bar e creare un’atmosfera più suggestiva!

2. Tempi del Ricevimento

Un segreto per organizzare con successo il proprio matrimonio è calcolare bene i tempi. Molti banqueting tendono ad inserire pause lunghissime tra una portata e l’altra, questo perché o sono rimasti legati alle vecchie abitudini, oppure non sono in grado di gestire un “ricevimento mmoderno”.

I tempi si allungano anche quando il fotografo “sequestra gli sposi” subito dopo la cerimonia o durante il pranzo. Anche questo ormai fa parte di uno stile tramontato che lascia il posto a foto di reportage e non a foto in posa!

Non bisogna sicuramente correre durante questa giornata… ma anche andare troppo lenti e costringere i commensali a restare seduti per ore e ore non è la soluzione migliore.

3. Taglio della Torta

Wedding cake
Wedding cake.
Proprio perché le foto devono raccontare le emozioni di quel momento, se qualcuno vi propone di immortalare il taglio della torta all’inizio dei festeggiamenti, quando la coppia è ancora esteticamente “perfetta”, senza amici e parenti, dite No Grazie!

A distanza di tempo, quando la riguarderete nell’album di nozze, questa foto non vi provocherà nessuna emozione…e allora perché privarsi di un momento così bello? Che importanza ha se la sposa ha un ricciolo fuori posto o se lo sposo non ha più la cravatta?

4. Scelta del Menù

Gli invitati al matrimonio fanno molti sacrifici per essere presenti quel giorno e festeggiare con voi la vostra gioia. Per questo motivo è bene avere cura di loro… soprattutto nel menù.

Prima di chiudere con il catering informatevi se ci sono persone intolleranti a qualche alimento, se qualcuno non mangia carne/pesce e prevedete il menù bimbi… piccole accortezze che sicuramente i vostri invitati noteranno!

5. Delegare

È molto difficile riuscire a farlo, ma non è possibile fare tutto da sole! Anche se il vostro obiettivo è un matrimonio semplice imparate a delegare…date qualche incarico al futuro sposo, qualche altra mansione alle damigelle e magari qualcosa anche alla suocera…e se non vi fidate?… allora scegliete una brava Wedding Planner!


Vedi altri articoli su: Ricevimento matrimonio |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *