Un tappeto? Tanti modi per pulirlo

Bicarbonato e ammoniaca sono i prodotti più indicati per la pulizia dei tappeti, mentre per eliminare le macchie è possibile utilizzare anche una soluzione a base di aceto e acqua: economica ed ecologica.

aspirapolvere
Il bicarbonato rende i colori del tappeto brillanti e deterge a fondo

Le massaie vecchio stampo usano da sempre bicarbonato e olio di gomito per pulire i tappeti di casa e rendere brillanti i colori. Il bicarbonato, perfetto per la pulizia di tutta la casa, è infatti adatto anche per far splendere tappeti sintetici, a pelo lungo e corto, ma anche di lana e seta. Basta spargerne un po’ sul tappeto, lasciarlo agire per qualche ora e poi eliminare la polverina magica con l’aspirapolvere.  Il bicarbonato oltre a pulire a fondo ravviva anche i colori assorbendo addirittura i cattivi odori che il tappeto imprigiona. Inoltre non è aggressivo ed è dunque il prodotto ideale per pulire anche tappeti persiani che, come è noto, sono particolarmente delicati.

Fate attenzione a polvere ed umidità

Oltre alla polvere ad essere nemica dei tappeti è anche l’umidità che può comprometterne la struttura. Tutte le donne di casa devono dunque fare attenzione a non appoggiare sul tappeto vasi con fiori e piante; mentre se la loro superficie si bagna accidentalmente bisogna correre ai ripari tamponando la zona umida con degli stracci in modo da assorbire con tempestività l’acqua in eccesso e poi farli asciugare bene all’aria aperta, senza però esporre il tappetto alla luce diretta del sole che può sbiadirne i colori. “Incidenti” domestici a parte per avere tappeti brillanti e puliti è fondamentale averne cura quotidianamente, ed il Folletto può sicuramente aiutare tutte le casalinghe ad evitare che polvere e sporco si depositino fra le trame del tappeto. Per rimuovere gli acari e ridurre gli allergeni presenti nei tessili la Vorwerk ha infatti studiato un kit di spazzole per adattatori battitappeto EB350 EB351 in grado di eliminare anche lo sporco più ostinato.

Pulire i tappeti di casa con ammoniaca

Un altro prodotto che, proprio come il bicarbonato, aiuta tutte le donne a tenere puliti i tappeti di casa è l’ammoniaca. Dopo aver sbattuto i tappeti da ambo i lati e averli lasciati “respirare” all’aria aperta è possibile dare inizio alla fase di pulizia vera e propria. Il consiglio, quando si ha a che fare con tappeti persiani o altri tipi di tappeti molto lavorati, è di diluire il prodotto detergente con dell’acqua, evitando soluzioni troppo aggressive. E’ possibile usare ammoniaca diluita (un cucchiaio ogni 3 litri di acqua) ma anche acqua e trielina oppure appositi detersivi per la pulizia dei tappeti. L’importante è non versare il detergente direttamente sul tappeto, ma utilizzare un panno umido in grado di accarezzare e pulire l’intera superficie.

Per una pulizia fai da te (e per la macchie più ostinate) perfetto è l’aceto

Se l’ammoniaca e il bicarbonato sono indicati per ravvivare i colori del tappeto e per detergerlo a fondo, per rimuovere le macchie è invece preferibile utilizzare acqua e aceto o acqua e alcool. Per chi ama la pulizia fai da te e vuole evitare prodotti chimici e industriali il consiglio è quello di utilizzare, per una pulizia ordinaria, foglie di te o di insalata umide che, come un micro panno ecologico, mantengono sempre vivi i colori del tappeto.


Vedi altri articoli su: Consigli per la casa | Pulizie di Casa |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *