Placche alla gola: cause, durata e cure

Soprattutto durante i mesi invernali la nostra gola è colpita da infiammazioni di origine batterica o virale a carico delle prime vie aeree, spesso causa delle tanto odiate placche alla gola

placche alla gola

Da novembre ad aprile non c’è via di scampo: virus e batteri sono in agguato! Le “vittime” predilette sono bambini e adolescenti il cui sistema immunitario ancora poco forte li rende più vulnerabili. Vediamo in dettaglio quali sono le cause che scatenano questa sgradevole affezione.

Cause

streptococco al microscopio
streptococco al microscopio
Sebbene la maggior parte delle infezioni della gola sia causata da virus, non è da escludere che le placche alla gola derivino da un’infiammazione dovuta a batteri.
Il batterio che attacca più frequentemente è noto con il nome di streptococco, principale responsabile della maggior parte dei mal di gola.
Il contagio avviene principalmente stando a stretto contatto con persone già infette. Tosse e starnuti sono le principali vie di trasmissione.

Come si manifestano

mal di gola
Le placche sono facilmente riconoscibili su tonsille ma anche su palato e ugola. Si presentano sotto forma di piccole vescicole bianche o gialle che nelle fasi acute si riempiono di pus.
I tipici segnali d’allarme che accompagnano le placche sono: gola arrossata e dolorante, alito cattivo, febbre, linfonodi gonfi, difficoltà nel deglutire e tonsille arrossate.

La diagnosi

È di fondamentale importanza verificare se le placche derivano da batteri o virus al fine di intraprendere una terapia adatta. Generalmente i tipi di test cui ci si sottopone per una diagnosi accurata sono due: test rapido streptococco o coltura della gola.
Il primo può solo determinare la presenza di batteri streptococco, ma non dirà se il mal di gola è causato da un altro tipo di batterio. Il vantaggio di questa prova è la velocità, i risultati infatti sono disponibili in circa venti minuti. Il test però ha un tasso di falsi negativi notevole per cui molto spesso si ricorre alla coltura della gola che consiste nel prelievo di un campione tramite un tampone sterile che verrà poi inviato in laboratorio per essere analizzato.

Le cure

Se le placche alla gola sono di natura virale non sono necessari antibiotici, ma solo riposo ed eventualmente antipiretici per abbassare la febbre. Se invece l’origine è batterica bisogna ricorrere al trattamento con antibiotici. La penicillina è il farmaco più utilizzato, quando questa non è efficace o in caso di allergie si possono assumere antibiotici con principi attivi quali l’amoxicillina. È importante non interrompere la cura antibiotica prima dei giorni prescritti: la sospensione, infatti, può protrarre l’infezione con conseguente ricaduta.

Quanto durano le placche alla gola

Generalmente già nelle 24 ore successive all’assunzione degli antibiotici si inizia a star meglio. I sintomi raramente durano più di cinque giorni. Si resta comunque contagiosi fino alle 24 ore seguenti l’inizio della terapia antibiotica.

Come alleviare i sintomi

tè alla lavanda
Durante il decorso dell’infiammazione è bene stare a riposo ed eventualmente alleviare i sintomi ricorrendo a rimedi naturali ma senza mai interrompere la terapia antibiotica. Ecco alcuni dei rimedi naturali più efficaci. I gargarismi con acqua tiepida salata, che possono essere ripetuti più volte al giorno, sono un vero e proprio toccasana. Non sono da meno i rimedi della nonna: fare suffumigi con oli essenziali di lavanda, di timo e di eucalipto oppure bere frequentemente thè o latte tiepidi (non caldi!) con miele e bevande fredde.


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

  • Elisa

    Le placche sulle tonsille vanno rimosse per guarire prima?

  • Martina

    Io soffro di placche alla gola ho fatto il tampone 10 giorni fa mi anno trovato lo streptococco ho preso gli antibiotici con il antibiogramma però ora ho fatto la cura erano spariti ma ora stanno ritornando nonostante che sto facendo la cura antibiotica apposta X quel battere

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *