Irritazione ascelle

Ascelle irritate: ecco come risolvere il problema. Bisogna prima di tutto individuare la causa del problema.

Depilazione ascelle con rasoio
Depilazione ascelle con rasoio: una delle cause principali dell'irritazione delle ascelle.

L’irritazione alle ascelle rappresenta uno dei problemi cutanei più diffusi. Infatti, le ascelle costituiscono una zona scura, facilmente soggetta a sudorazione e di conseguenza ad attrito ed irritazione, che si manifesta come eruzione cutanea.

I sintomi più comuni dell’eruzione ascellare sono il prurito, il bruciore, la presenza di piccole bolle, l’arrossamento della pelle, la desquamazione, il dolore e un odore più penetrante.

A volte il fastidio è lieve, a volte insopportabile. Nelle forme più gravi si arriva alla secchezza della pelle ed alla formazione di vesciche (a volte è presente anche la febbre).

Cerchiamo di scoprire quali sono le cause di questa irritazione e come può essere trattata con rimedi naturali.

Le cause dell’irritazione

Le cause dell’eruzione ascellare sono svariate ed esistono diversi trattamenti per ognuna.

L’irritazione spesso è dovuta ad una rasatura scorretta, ad una sudorazione eccessiva, al clima caldo-umido, al profumo o al deodorante utilizzato, al bagnoschiuma o doccia-schiuma, alla crema idratante, ai vestiti stessi.

In particolare i vestiti stretti e sintetici possono causare attrito e sfregamento, favorendo la comparsa di lesioni della pelle.

A volte le eruzioni possono derivare da infezioni virali o batteriche, micosi o reazioni allergiche.

L’irritazione alle ascelle può verificarsi soprattutto in caso di scarsa igiene: le ascelle sono un punto del corpo molto ricco di batteri. Per questo è importante lavarsi tutti i giorni le ascelle, per ridurre drasticamente il numero di batteri.

Anche l’infezione da candida, la psoriasi e la idradenite suppurativa (scarico di pus da parte delle ghiandole sudoripare) rappresentano alcune delle cause delle irritazioni ascellari.

I rimedi

Individuare la causa

Passiamo ora ai rimedi: è importante individuare la causa corretta per scegliere il rimedio più efficace.

Epilazione, ceretta e rasoio

Se l’irritazione è dovuta all’epilazione, è consigliabile evitare di radersi con il rasoio per qualche settimana. Successivamente provare la ceretta o la crema epilatoria, avendo cura di lavare bene le ascelle con un sapone delicato, evitando assolutamente quelli con le fragranze.

È importante bagnare la pelle prima di radersi, perché la pelle si ammorbidisce e si irrita di meno.

Molte volte la causa dell’irritazione da depilazione è il rasoio sbagliato o sporco.

Per quanto riguarda la ceretta, è consigliabile sottoporsi a trattamento dall’estetista perché altrimenti si rischia di usare cerette scadenti o utilizzarle male.

Deodorante

Se invece l’irritazione è dovuta ad un deodorante aggressivo, è consigliabile sostituirlo con l’allume di potassio, un minerale con proprietà astringenti. Non previene la traspirazione, ma è efficace nell’impedire la proliferazione dei batteri.

I rimedi

Impacchi freddi

Per calmare il prurito ed il bruciore si possono effettuare degli impacchi freddi, avvolgendo un paio di cubetti di ghiaccio con un panno di lino o di cotone morbido. Il freddo ha una azione anestetizzante e riduce l’irritazione ed il calore nella zona irritata. Gli impacchi devono durare circa 10 minuti ed è possibile ripeterli più volte in giornata.

Olio di cocco

Un altro valido rimedio è l’olio di cocco, ricco di acidi grassi e di vitamina E, che idratano la pelle, riducono l’attrito e calmano il prurito. L’olio va tamponato sulla pelle e lasciato assorbire per circa 10 minuti. Anche in questo caso gli impacchi possono essere ripetuti in corso di giornata.

Aloe vera

Non bisogna dimenticare l’aloe vera, nota per le sue proprietà antibatteriche, antifungine e lenitive: riduce sia il prurito sia il rossore. Può essere applicata 3-4 volte al giorno lasciando assorbire completamente il gel.

Tea tree oil

Anche il tea tree oil è noto da tempo come antifungino ed antisettico della pelle. Sono sufficienti 5-6 gocce di olio essenziale in 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva, da applicare fino a 3 volte al giorno sulla zona irritata.

Farina d’avena

Per ridurre l’irritazione un valido aiuto è la farina di avena, che contribuisce a normalizzare il pH della pelle e a renderla morbida ed idratata. Il modo migliore per utilizzarla è riempire una vasca di acqua calda ed usarla come bagnoschiuma, abbinata all’olio essenziale di lavanda.

Neem, aceto di mele, bicarbonato e limone

Esiste anche un rimedio popolare per le irritazioni cutanee: si tratta del lillà indiano o Neem. È noto per la sua azione antinfiammatoria, analgesica ed antibatterica. Si può preparare un impacco facendo bollire una manciata di foglie di neem, da applicare 3 volte al giorno sulla zona interessata.

Un altro rimedio popolare è l’aceto di mele: potente antimicotico ed antibatterico, in grado di ristabilire il pH della pelle. Si può preparare un impacco diluendo un cucchiaino di aceto in un bicchiere di acqua e tamponare sulla zona irritata.

Accanto al famoso aceto di mele si hanno il bicarbonato di sodio ed il limone. Il bicarbonato è più indicato in caso di eruzione cutanea da dermatite, grazie alla sua alcalinità in grado di riequilibrare il pH cutaneo. Va sempre risciacquato per non causare ulteriore irritazione. Il limone ha una azione antibatterica, antiossidante e cicatrizzante. È sufficiente strofinare una fetta di limone sulle ascelle e dopo 5 minuti risciacquare con acqua fredda.

Burro di karitè

Infine anche il burro di karitè è molto indicato per le eruzioni ascellari, grazie alle sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie ed emollienti. Va applicato dopo aver lavato le ascelle con sapone neutro.


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *