Dieta mima-digiuno di Valter Longo

Dieta mima-digiuno: un regime alimentare che simula il digiuno per alcuni giorni al mese e promette di perdere peso, oltre a una vita più lunga e più sana.

Dieta mima digiuno
La dieta cosidetta mima-digiuno è chiamata così perché simula il digiuno per alcuni giorni al mese.

È una dieta che sta facendo il giro del mondo per le sue promesse di longevità e di salute per l’organismo. Di cosa si tratta? Della dieta mima-digiuno del Dottor Valter Longo, Direttore del Longevity Institute della University of Soutern California a Los Angeles e Direttore del Laboratorio di Longevità e Cancro all’Istituto IFOM di Milano. Longo ha compiuto i suoi studi, testando la dieta da lui proposta su se stesso, oltre che su una ventina di volontari e sulle cavie da laboratorio.

Dieta Valter Longo
Abstract dell'articolo di Longo: A Periodic Diet that Mimics Fasting Promotes Multi-System Regeneration, Enhanced Cognitive Performance, and Healthspan.

In cosa consiste?

Secondo lo scienziato non si tratta della solita dieta dimagrante, ma di una serie di strategie, con effetti stupefacenti sullo stato di salute. Sembra che questa dieta riduca l’incidenza dei tumori, poiché finisce per “affamare” le cellule tumorali,  diminuisca l’insorgenza di malattie infiammatorie e abbia una azione protettiva sulla densità minerale ossea (prevenendo l’osteoporosi). Inoltre agisce sui processi di invecchiamento (arrivando a regalare circa 10 anni in più), oltre che avere effetti positivi sul peso. Secondo gli studi compiuti, pochi giorni di digiuno possono prevenire alcune malattie.

Questa dieta, pur avvicinandosi, non è un vero e proprio digiuno. In ogni caso va eseguita sotto controllo medico, solo per 5 giorni e solo da chi gode di buona salute. Per coloro che soffrono di patologie (in particolare diabete, sindromi da immunodeficienza), che sono sottopeso (incluse le anoressie) e gli anziani, sono necessari ulteriori studi, che accertino la completa sicurezza della dieta anche in questi casi. Può essere ripetuta ogni 3-6 mesi: ogni 3 mesi per chi deve perdere peso, ogni 6 mesi per chi vuole rallentare l’invecchiamento. Vediamo, quindi, in cosa consiste la dieta Longo.

Come si struttura?

Il primo giorno l’apporto calorico giornaliero viene ridotto del 34% rispetto al proprio normale fabbisogno (bisogna ridurre le calorie di circa un terzo). Nei restanti quattro giorni, le calorie si riducono invece del 45%.

È importante anche il rapporto fra i nutrienti. Nel primo giorno le proteine devono rappresentare massimo il 10% delle calorie, i grassi il 56% e i carboidrati il 34%. Nei quattro giorni successivi le proteine devono coprire massimo il 9% delle calorie giornaliere, i grassi il 44% e i carboidrati il 47%. Risulta fondamentale anche il rapporto tra gli acidi grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi. Durante i 5 giorni di dieta si possono mangiare zuppe, verdure, noci, barrette al cioccolato, minerali e vitamine di origine vegetale e bere tè. Le quantità non sono precisate, perché deve esser il medico a stabilirle caso per caso. Al termine dei cinque giorni per i restanti 25 si riprendono le normali abitudini alimentari.


Vedi altri articoli su: Dieta | Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *