Abbronzatura: i segreti sotto al sole

Come prenderti cura della tua pelle per avere un'abbronzatura perfetta? Tutto su autoabbronzanti, creme e... qualche consiglio alimentare!

abbronzatura

Tutte sogniamo di avere una pelle perfetta e ottenere un’abbronzatura omogenea anche prima di partire per le vacanze, chi non vuole essere bella e portare al meglio i vestiti estivi dai colori vivaci?

Abbronzarsi a tavola

Un’abbronzatura perfetta parte dalla tavola e nell’attesa di esporre la nostra pelle al sole bisogna prepararla e tutto inizia proprio dalla nostra tavola e da ciò che mangiamo ogni giorno. Lo sapevate che c’è una relazione tra i colori tipici della bella stagione e quello che mettiamo in tavola? Infatti il giallo, il rosso e l’arancione non sono solo i colori dei nostri outfit estivi, ma colori da mettere nel piatto perché questi cibi contengono betacarotene, il miglior alleato della nostra pelle. Frutta e verdura sono il regime ideale: ciliegie, fragole, lamponi, more, pesche, albicocche, anguria, melone e, ancora peperoni, pomodori e naturalmente le carote. Anche le verdure possono aiutarci ad avere una pelle levigata e più “nera”, non privatevi dunque di lattuga, broccoli e spinaci. Fondamentale è l’idratazione, il consiglio è dunque di bere almeno 2 litri d’acqua al giorno e il segreto per una pelle più sana e bella è il consumo di cibi ricchi di Omega 3 come il latte, la soia e il pesce che contribuiscono anche a prolungare al meglio l’abbronzatura una volta finite le vacanze.

I colori a tavola

Come avere un’abbronzatura da star

Abbronzatura perfetta
In commercio ci sono tanti prodotti che possono aiutarci ad ottenere una tintarella super bisogna avere pazienza e costanza e i risultati saranno straordinari. Gli integratori solari assicurano un’abbronzatura uniforme,  agiscono dall’interno sugli strati sottocutanei, preparando la pelle all’esposizione solare, non tutti i prodotti sono uguali l’importante è privilegiare quelli che contengono vitamina E e selenio ovvero ingredienti antiossidanti che rafforzano le difese della pelle regalandole quell’aspetto dorato, vanno assunte almeno 15 giorni prima dell’esposizione solare e 15 giorni dopo se volete conservare l’abbronzatura ottenuta.

Se siete stanche del pallore invernale e desiderate qualcosa di più “veloce”, l’abbronzatura spray è quello che fa per voi: grazie alla nebulizzazione di un cosmetico a base di canna da zucchero, consente di scurire la cheratina dello strato più superficiale dell’epidermide. Come per tutti i trattamenti self-tanning anche questo necessita uno scrub prima della seduta, il colore dura 4-5 giorni e può essere ripetuto essendo un trattamento atossico e anallergico, e bisogna ricordarsi di applicare una crema nutriente per mantenere al meglio il colorito.

Spalmare l'autoabbronzante
Gli autoabbronzanti

E per chi rimane in città o semplicemente non vuole arrivare in spiaggia bianca come il latte? Per risolvere questo problema ci sono gli autoabbronzanti che colorano la pelle in pochi istanti senza i rischi legati all’esposizione al sole: sono prodotti ricchi in siliconi che garantiscono una perfetta idratazione della pelle che invece il sole tende a seccare. Sono pensati per tutte le esigenze, esistono infatti in spray, quelli più comuni, in gel, in crema e anche in salviette; l’applicazione non è sempre facilissima e conviene sempre provarli prima in profumeria per evitare fastidiose allergie. Anche in questo caso l’effetto dura dai 4 ai 6 giorni e va via in modo naturale. Questi prodotti non proteggono dai raggi solari quindi non dimenticate di usare una crema solare in caso di esposizione al sole!

E voi quale metodo preferite per un ottenere un bel colorito abbronzato?


Vedi altri articoli su: Protezioni Solari e Abbronzanti | Skincare |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *